Il Santo Vangelo del Giorno Venerdì del Signore 23 settembre 2022 – Con l’Amore e la Devozione Dovuti a Colui Ch’È Tornato tra noi nel Nome del Padre!

…. Scrivere della Sacra Parola È un Dovere da Divulgare con Amore Spontaneo, giacché il Premio È Proprio Quello di Annunciare alle Creature la Salvifica Speranza.  Anche per Ciò, pur non contando io nulla, Esorto ad Aiutare Chi Avesse Necessità di Ricevere Conforto, Pregando Insieme per le Sante Anime Abbandonate in Purgatorio, per i Defunti di Tutti i Tempi, per gli Ammalati, gli Anziani, i Fanciulli, i Poveri, i Sofferenti, i discriminati, gli atei e per i Carcerati.  Come il Buon Paolo, al Cui Ricordo il Cuor Mio Sussulta in Commozione, Tutto io misero Faccio per Questo Merletto della Veste di Cristo – Ch’È il Santo Vangelo – per l’appunto, Auspicando di Diventarne Partecipe a mia Volta, mentre in Ginocchio Attendo il Giudizio di Dio. (l’autore). 

   

Io e un po' di briciole di Vangelo: aprile 2018

 

   

Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo! Amen

Ascolta la versione in Aramaico 1  (mp3)

 

 

 
Poiché “Il Potere di Cristo Espelle l’originaria causa di ogni male”, Dedichiamo il Santo Vangelo del Giorno all’Amore e alla Divina Misericordia di Gesù Salvatore, affinché Conceda il Suo Perdono alle Anime Sante Abbandonate in Purgatorio e ai Defunti di Tutti i Tempi, Creature Tenere ma Private della Diffusa e Salvifica Preghiera di noi distratti Figli di quaggiù.  Per Grazia Ricevuta.

 

Confiteor

(da Recitarsi possibilmente in Ginocchio, Invocando la Divina Misericordia)

«Confesso a Dio Onnipotente e a voi, Fratelli, Che ho molto peccato in pensieri, parole, opere e omissioni, per mia colpa, mia colpa, mia grandissima colpa. E Supplico la Beata Sempre Vergine Maria, gli Angeli, i Santi e voi, Fratelli, di Pregare per me il Signore Dio nostro.  Dio Onnipotente Abbia Misericordia di noi, Perdoni i nostri peccati e ci Conduca alla Vita Eterna.  Amen».

Risultati immagini per immagini di barre separatrici dorate

Riflessioni dello Spirito

All’improvviso, Capirai la Vera Essenza del Cristo e Quel Che ci han di Lui celato! Avrai vergogna anche per Ciò, poiché non hai Abbandonato il tuo Cuore Mentre Egli Parlava della Verità – Che ci ostiniamo a non Vedere e a non voler ancora Udire.

Risultati immagini per immagini di barre separatrici dorate

Atto di Dolore

O Gesù, mi Pento e mi Dolgo con Tutto il Cuore dei miei peccati, perché peccando ho meritato i Tuoi Castighi e, soprattutto, perché ho offeso Te, Infinitamente Buono e Degno d’Essere Amato Sopra Ogni Cosa! Propongo – col Tuo Santo Aiuto, di non offenderTi mai più e di Fuggire le occasioni prossime di peccato.  Signore, Misericordia, Perdonami! Amen.

Risultati immagini per immagini di barre separatrici dorate

Preghiera dal Cuore

(Atto di Amorevole Umiliazione ai Piedi della Santa Croce – in Ginocchio – 27 luglio 2019)

“Più numerosi dei Capelli del Mio Capo sono coloro che Mi odiano senza ragione.  Sono potenti i nemici che Mi calunniano: quanto non Ho Rubato lo Dovrei Restituire? Per Te Io Sopporto l’insulto e la vergogna Mi copre la Faccia; Sono un Estraneo per i Miei Fratelli, un Forestiero per i Figli di Mia Madre. Poiché Mi Divora lo Zelo per la Tua Casa, ricadono Su di Me gli oltraggi di chi Ti insulta.  Ma Io Innalzo a Te la Mia Preghiera, Signore, nel Tempo della Benevolenza; per la Grandezza della Tua Bontà, Rispondimi, per la Fedeltà della Tua Salvezza, o Dio”. (Sal 69(68),5.8-10.14.).

Risultati immagini per immagini di barre separatrici dorate

Professione di Fede

(in Ginocchio)

“I Servi Fedeli alla Maestà del Figlio dell’Uomo Saranno Pastori Umili e Buoni per le genti del Mondo Nuovo, a Compimento della Gloria in Terra di Dio Padre Onnipotente! Amen”.

“Credo in un Solo Dio, Padre Onnipotente, Creatore del Cielo e della Terra, e di Tutte le Cose Visibili e Invisibili.  Credo in un Solo Signore Gesù Cristo, Unigenito Figlio di Dio, Nato dal Padre Prima di Tutti i Secoli.  Dio da Dio, Luce da Luce, Dio Vero da Dio Vero, Generato –  e non Creato, della Stessa Sostanza del Padre.  Per Mezzo di Lui Tutte le Cose Sono State Create.  Per noi uomini e per la nostra Salvezza Discese dal Cielo, e per Opera dello Spirito Santo Si È Incarnato nel Seno della Vergine Maria e Si È Fatto Uomo.  Fu Crocifisso per noi sotto Ponzio Pilato, Morì e Fu Sepolto e il Terzo Giorno È Risuscitato Secondo le Scritture; È Salito al Cielo, Siede alla Destra di Dio Padre Onnipotente e di Nuovo Verrà nella Gloria per Giudicare i Vivi e i morti e il Suo Regno non Avrà fine.  Credo nello Spirito Santo, Che È Signore e Dà la Vita e Procede dal Padre e dal Figlio, e Con il Padre e il Figlio È Adorato e Glorificato e Ha Parlato per Mezzo dei Profeti.  Credo nella Chiesa del Figlio dell’Uomo, una Santa Cattolica e Apostolica.  Professo un Solo Battesimo per il Perdono dei peccati e Aspetto la Risurrezione dei Morti e la Vita del Mondo Che Verrà! Amen”.

Immagine correlata

Fratelli e Sorelle, quanti di noi – in almeno un momento della Vita, avran pensato: “peccato che debba finir tutto!”.  Proprio recentemente, dallo sguardo di un connazionale di successo, è derivata questa sensazione, ovvero la consapevolezza che nulla è eterno, nonostante i nostri sforzi; certo è che l’uomo non nacque per morire così presto, poiché la Vita aveva corsi e temporalità ben diversi da quelli attuali.  Col peccato giunse il progresso, con tanti altri inutili e dannosi annessi, che molto hanno agevolato – nei secoli, le aggressioni al Tempio di Dio, il Corpo Umano! La normalità ha infine calmierati gli Animi, rassegnandoli ai pur repentini ed inconsueti cambiamenti.  Infatti e col passar del tempo, gli stregoni prima – e i medici poi, hanno rimpiazzato la Fede nella Preghiera e nei relativi Miracoli con la pseudo-scienza, allontanando sempre più strumentalmente l’uomo dal suo Creatore Naturale.  Oggi ricorre il 54° anniversario del Ritorno a Casa d’Un Eccezionale Strumento del Signore, Fra’ Pio da Pietrelcina; il Sant’Uomo – perseguitato in Terra da alcuni Suoi stessi Confratelli – ipocriti ed invidiosi, all’atto di inaugurare l’importante ospedale di San Giovanni Rotondo, ebbe a dire ai medici colà presenti: “Ricordatevi che gli ospedali sono fatti per i malati, non per i medici, e se non porterete l’Amore accanto al letto dell’infermo, le sole medicine non vi basteranno!”.  Profetiche Parole, Quelle del Fraticello, Che conosceva assai bene la cupidigia di noi stolti di quaggiù.  Cosa aggiungere a cotanto infausto esempio? Nulla, giacché i fatti parlano autonomamente e chiaro, senza necessità di immaginazione ….. purtroppo.   Andiamo avanti, tentiamo di rivisitare i nostri inutili percorsi e dedichiamoci un po’ più alla cura della Vigna del Signore, Che non Mancherà di Offrire Frutti Buoni e Salvifici per l’Anima nostra, oltre al Resto. Buon Venerdì a Tutte le Creature di Buona Volontà. Sia Lodato Gesù Cristo.

Foggia – Le commemorazioni in memoria di Padre Pio: in ...

In Ricordo di un Sincero Amico: Fra’ Pio da Pietrelcina!

(13 marzo 2020)

… alcune Note Musicali Favoriscono la Scesa in Terra dello Spirito del Cristo di Dio, Accompagnandone – Così, la Gloria! Preghiamo Intensamente e col Cuore Colmo di Riconoscenza e di Puro Amore, poiché i tre Giorni di totale buio son tremendamente vicini. Maria, Mamma di Gesù e nostra, Insieme agli Angeli e ai Santi del Paradiso, Prega per noi.  Amen.

Nessuna descrizione della foto disponibile.

Messaggi di Gesù a Maria Valtorta

“Quaderni del ‘43” ottobre 29

Sollevamento negli Ultimi Tempi …

Dice Gesù:  Quando Faccio dire a Sofonia (Sof 1,2-3; Os 4,3) che Io Porterò via ogni cosa dalla terra, gli Faccio Profetare Ciò che Avverrà nella antivigilia del Tempo Ultimo, Quello che poi Io Annunciai (Mt 24,1-31; Mc 13,1-27; Lc 21,5-28) parlando, adombrato sotto la descrizione della rovina del Tempio e di Gerusalemme, della distruzione del mondo, e Ciò che Profetò il Prediletto (Ap 14,14-20; 19,11-21; 20) nel Suo Apocalisse. Le voci si susseguono. Anzi posso Dire che, come in un Edificio Sacro Elevato a Testimoniare la Gloria del Signore, le voci salgono da Pinnacolo a Pinnacolo, da Profeta a Profeta antecedente a Cristo, sino al culmine maggiore su cui Parla il Verbo durante il Suo Vivere d’Uomo, e poi scendono da Pinnacolo a Pinnacolo, nei secoli, per Bocca dei Profeti susseguenti al Cristo. È Come un Concerto che Canta le Lodi, le Volontà, le Glorie del Signore, e durerà sino al momento in cui le Trombe Angeliche Aduneranno i morti dei Sepolcri e i morti dello Spirito, i Viventi della Terra e i Viventi del Cielo, perché Si Prostrino Davanti alla Visibile Gloria del Signore e odano la Parola della Parola di Dio, Quella Parola che infiniti hanno respinta o trascurata, disubbidita, schernita, disprezzata, Quella Parola Che Venne (Gv 1,9-11): Luce nel mondo, e Che il mondo non volle accogliere preferendo le tenebre. Io Sono il Vertice dell’Edificio di Dio. Parola più Alta e Vera della Mia non può esserci. Ma il Mio Spirito È nella Bocca delle “Parole” minori, poiché ogni Cosa che parla di Ciò Che È di Dio, È Parola Ispirata da Dio. La carestia e le mortalità delle epidemie saranno Uno dei Segni Precursori della Mia Seconda Venuta. Punizioni Create per punirvi e Richiamarvi a Dio Opereranno, con la loro dolorosa Potenza, una delle selezioni fra i Figli di Dio e di satana. La fame data dalle rapine e dalle guerre maledette, volute senza giustificazione di indipendenze nazionali ma per sola ferocia di potere e superbia di demoni in veste d’uomini, data dall’arresto, per Volere di Dio, delle Leggi Cosmiche, per cui il Gelo sarà aspro e protratto, per cui il Calore sarà bruciante e non mitigato da Piogge, per cui le Stagioni saranno invertite e avrete siccità nelle Stagioni delle Piogge e Piogge nel tempo della maturazione delle Messi, per cui, ingannati da subiti tepori o da insolite frescure, fioriranno fuori tempo le Piante e si ricopriranno, dopo aver già generato, gli Alberi di nuovi inutili Fiori che spossano senza Frutto la Pianta ‑ poiché ogni disordine è nocivo e conduce a morte, ricordatevelo, o uomini ‑ la fame tormenterà crudelmente questa razza proterva a nemica di Dio. Gli Animali, privi di Fieni e di Biade, di Grani e di Semi, periranno per fame e, per la fame dell’uomo, saranno distrutti senza dar loro tempo di Procreare. Uccelli del Cielo e Pesci delle Acque, Mandrie e Greggi, saranno assaliti da ogni parte per dare ai vostri ventri il Cibo che la Terra non Partorirà più per voi che scarsamente. Le mortalità create da guerre e da pestilenze, da terremoti e nubifragi, precipiteranno nell’aldilà buoni e malvagi.

I primi per punizione vostra che, privati dai migliori, sempre più peggiorerete, i secondi per punizione loro che avranno, anzi l’ora prevista, l’inferno per loro dimora. La Vittima Preparata dal Signore per Purificare l’Altare della Terra – profanato dai peccati di idolatria, di lussuria, di odio, di superbia, sarete voi, uomini che perirete a mille e a diecimila sotto la falce aguzza dei Fulmini Divini.

Come Erba falciata su un Prato in aprile, cadrete gli uni sugli altri: i Fiori Santi mescolati a quelli velenosi, i morbidi Steli mescolati ai pungenti Rovi. La Mano dei Miei Angeli Sceglierà a Separerà i Benedetti dai maledetti, portando i Primi al Cielo e lasciando i secondi ai tridenti dei demoni per la pastura dell’Inferno. Essere re o mendicanti, sapienti o ignoranti, giovani o vecchi, guerrieri o sacerdoti, non costituirà differenza a baluardo contro la morte.

Il castigo vi sarà e tremendo. L’Occhio di Dio Sceglierà i Destinati, Levando le “Luci” perché non abbiano più a soffrire della caligine creata dagli uomini congiunti a satana, levando le “tenebre” generatrici di tenebre perché possedute dal padre delle tenebre: satana. L’Occhio di Dio, Che Penetra nei palazzi, nelle Chiese, nelle Coscienze ‑ e non c’è sbarramento e non c’è ipocrisia che Gli impedisca di Vedere ‑ Scruterà nel seno della Chiesa: Gerusalemme di ora, scruterà nel seno delle Anime e Scriverà il Singolo Decreto per gli ignavi, gli indifferenti, i tiepidi, i ribelli, i traditori, gli omicidi dello Spirito, i deicidi. No, non pensate che Dio non vi Farà né male né Bene per le vostre Opere.

Io ve lo Giuro, lo Giuro a Me Stesso, lo Giuro per la Mia Giustizia, lo Giuro con triplice Giuramento, Io vi Farò del Bene per il Bene che farete e del male per il male da voi compiuto. Se a voi le immondezze della carne e della vostra Vita da bruti vi fanno crosta agli occhi dell’Anima per impedirLe di Vedere Dio, a Dio nulla fa velo. Appesantirò la Mia Mano su coloro che di essere nel fango si beano e che nel fango vogliono restare nonostante ogni Invito e ogni Mezzo Che Do loro per uscirne. Diverranno fango nel fango, poiché del fango del peccato fanno il cibo preferito dalla loro fame impura. Il Giorno Si avvicina, figli che avete rinnegato il Padre.

Il Tempo della Terra è lungo e breve nello stesso tempo. Non era ieri forse che godevate di un onesto Benessere dato dalla Pace e dalle Opere pacifiche che danno Pane e lavoro? Non era ieri – forse, o voi che vivete in quest’Ora tremenda, che godevate la Gioia della Famiglia non smembrata e distrutta, la Gioia dei Figli intorno al desco del padre, del talamo: lo Sposo presso la Sposa del padre curvo sui capi dei Bimbi come Maestro e Amico? Ed ora? Dove È tutto Ciò? Rapido come Uccello che vola in lidi lontani, quel tempo è passato. Era ieri… ora vi volgete e vedete che un numero di giorni, che l’orrore moltiplica con la sua sanguigna intensità, ve ne separa.

Vi rifugiate nel ricordo, ma cumuli di macerie e distese di tombe vi distruggono la Dolcezza del ricordo con la realtà del presente. Oh! Uomini, uomini che insultate Dio con voci di Bocca e di Cuore credendovi lecito farlo, udite, uomini, la Voce di Dio, straziata e straziante, Che già Tuona sul mondo poiché non Le Giova Parlarvi per Bocca dei Suoi Servi ed Amici, e che vi Annuncia l’Ira Sua, e che vi Chiama ancora perché di Punirvi Ne soffre. Prima che la cecità degli Spiriti vostri sia totale, venite al Medico e alla Luce.

Prima che il Sangue sia tanto d’essere Lago di morte, venite alla Sorgente della Vita. Radunate le vostre misere capacità di Amore e Volgetele a Dio. L’Amore vi Perdonerà per quelle briciole d’Amore, avanzo delle rapine della carne e di satana, che voi offrirete a Lui. A Dio Vanno Date le Primizie e la Totalità dei Beni.

Ma posto che questo non avete saputo fare, o figli che Mi siete Costati la Vita, Date al Signore Grande, Pietoso, Potente, quello che ancora vi resta. Nella vostra povertà di Spirito, povertà non Evangelica ma umana, strappatevi dal Cuore l’ultimo picciolo, negate alla carne quel resto e datelo a Me.

So che a un Mio Diletto costa meno il Sacrificio della Vita, poiché l’Amore lo inebria, di quanto a voi non costi il Sacrificio di un Bacio. E per il vostro sforzo, sproporzionato all’Offerta, vi Darò Premio Sproporzionato al Dono.

Ve lo Darò, purché veniate. Chi Ben Lavorò nell’Ultima Ora (Mt 20.1-16) sarà Ammesso al Regno come colui che resse l’Aratro, fino a cadere su Esso, dalla sua Aurora alla sua anticipata Sera. D’avere Dimora diversa in Cielo non vi rammaricherete; Là non sono le meschinità delle invidie umane.

Ma Conquistate Questo Cielo Che Ho Creato per voi e Che vi Ho Aperto con la Mia Morte di Croce.

Venite al Signore prima che il Signore Venga su voi con la Sua Maestà di Giudice. Riguardo a voi, Miei Diletti, restate nella Via che avete scelta.

Turbini e Tempeste non potranno farvi perdere la Mèta Che Sono Io, il Cui Cuore È Aperto per Ricevervi col Bacio di Amore più Vivo.

Lasciate che cadano regni e popoli, e ciò che ora si crede potente divenga cenere e maceria, e ciò che ora si crede lecito dettare volontà e dottrine divenga polvere stritolata dalla Volontà e dalla Legge di Dio. Nel Mio breve Regno sul mondo Sarò Io Che Regnerò, Io e i resti del Mio popolo, ossia i Fedeli Veri, Quelli Che non hanno rinnegato Cristo e Ricoperto il Segno di Cristo con la tiara di satana. Cadranno allora le bugiarde deità dello strapotere, le dottrine oscene rinneganti Iddio, Signore Onnipotente. La Mia Chiesa, prima che l’Ora del mondo cessi, avrà il Suo Fulgido Trionfo.

Nulla È diverso nella Vita del Corpo Mistico di Quanto Fu nella Vita del Cristo. Vi Sarà l’Osanna alla Vigilia della Passione, l’Osanna quando i popoli, presi dal Fascino della Divinità, Piegheranno il Ginocchio Davanti al Signore (Ap. 20). Poi verrà la Passione della Mia Chiesa Militante, e infine la Gloria della Risurrezione Eterna in Cielo. O Beatitudine di Quel Giorno in Cui saranno finite per sempre le insidie, le vendette, le lotte di questa Terra, di satana, della carne! La Mia Chiesa Sarà allora Composta di Veri Cristiani.

Allora, nel penultimo Giorno. Pochi come all’Inizio, ma Santi come all’Inizio.

Finirà in Santità Come in Santità Cominciò. Fuori resteranno i mentitori, i traditori, gli idolatri.

Quelli che all’ultima giornata imiteranno Giuda e venderanno la loro Anima a satana nuocendo al Corpo Mistico di Cristo.

In essi la Bestia avrà i suoi luogotenenti per la sua ultima guerra. E guai a chi in Gerusalemme, negli Ultimi Tempi, si renderà colpevole di tale peccato. Guai a coloro che in essa sfrutteranno la loro veste per utile umano. Guai a coloro che lasceranno perire i Fratelli e trascureranno di Fare della Parola – Che Ho loro Affidata, Pane per le Anime affamate di Dio. Guai. Fra chi rinnegherà apertamente Iddio e chi Lo rinnegherà con le Opere, Io non Farò differenza. E in Verità vi Dico, con dolore di Fondatore Eccelso, che all’Ultima Ora i tre quarti della Mia Chiesa Mi rinnegheranno, e li Dovrò Recidere dal Tronco come rami morti e corrotti da lebbra immonda. Ma voi che rimarrete in Me, udite la Promessa del Cristo.

AttendeteMi con Fedeltà e Amore ed Io Verrò a voi con Tutti i Miei Doni.

Col Dono dei Doni: Me Stesso.

Verrò a Redimere e a Curare.

Verrò a Illuminare le tenebre, a Vincerle e Fugarle.

Verrò a Insegnare (Quando il Tempo Sarà Venuto Parlerò a questi soltanto, Convinto dell’inutilità di Parlare agli altri.

Comincerà così la Selezione degli Eletti dai reprobi…..

Sera del 16 agosto quad. 43 pag. 236 ediz. 2006) (ed altri passi). “…..agli uomini ad Amare e Adorare il Dio Eterno, il Signore Altissimo, il Cristo Santo, il Padre, il Figlio, lo Spirito Santo.

Verrò a Portarvi non la Pace di questo Mondo, eterno distruttore della Pace, ma la Pace del Regno Che non muore. Esultate, o Miei Servi Fedeli.

Questo vi Dice la Bocca Che non mente. Voi non avrete più a temere di alcun male perché Porrò Fine al tempo del male, Anticiperò Questa Fine per Pietà dei Miei Benedetti. Esultate soprattutto o voi, Miei Amati di ora.

Per voi ancor più Sollecito Sarà l’Avvento del Cristo e il Suo Abbraccio di Gloria.

Per voi già Si Aprono le Porte della Città di Dio e ne Esce il Salvatore vostro per Venirvi Incontro e Darvi la Vita Vera. Ancora un poco e per voi Verrò.

Come per Lazzaro, l’Amico Mio, Io vi Chiamerò uno ad uno: “Vieni fuori!”.

Fuori di questa Vita della Terra che è tomba per lo Spirito incarcerato nella carne.

Fuori. Nella Vita e nella Libertà del Cielo. ChiamateMi col vostro Amore Fedele.

Esso Sia la Vampa Che Fonde le catene della carne e Dà allo Spirito la Libertà di Venire presto a Me. Dite il più bel Grido Scritto da uomo: “Vieni, Signore Gesù”».

Nessuna descrizione della foto disponibile.

Padre Pio!

(13 maggio 2017)

Tenero Fraticello, Ti chiediamo scusa per i Fedeli ed i curiosi che – anche allora, non compresero che idolatrandoTi Ferivano il Cuore di Gesù, giacché Eri Stato Designato Quale Strumento alla Preghiera, per la Conversione dei Cuori delle Creature.  Fratello Ora in Cielo, Intercedi Presso la Divina Misericordia, affinché Voglia Evitarci i pur Meritati Castighi, Così Ammettendoci all’ormai Imminente Tribunale Celeste, Ove Verranno Elencati “tutti” i peccati commessi nella Concessa Vita.  Col Permesso del Supremo e Meraviglioso Cristo, Veglia sul Vescovo bianco e sulla nostra Sorte, Caro Francesco: Te Ne Preghiamo! Amen.

Nessuna descrizione della foto disponibile.

Riflessione

(Vissuta il 19 settembre 2009)

Francesco Forgione – già Padre Pio, fortemente spaventato Attendeva Lo visitassero i medici militari, per l’avvio alla leva. Umanamente deriso e solo, precipitato nella confusione più totale, Chiamò Accanto a Sé un Piccolo Fratello che, posto alla Sua destra, Gli strinse la mano a mo’ di Spiritual Sostegno; talmente grande fu il coinvolgimento da provare Insieme non consuete Sensazioni, ad Oggi Vive e Forti in certi Cuori.  La Mamma Celeste – Maria, Intervenne in Aiuto al Fraticello, Facendo Sì Che Tornasse al Convento, a Continuar Felice e a Lungo l’Opera Sua.  Il Tempo non appartiene all’uomo, È del Signore, e quanto sconosciuto Pur Vero È! Non V’È Creatura avulsa dal Bisogno di Conforto, poiché l’Animo è debole, la Notte buia e profonda.

Risultato immagini per gif animate leone giuda

Benediciamo e Amiamo il Santo Nome del Signore, Ringraziando per i Doni Che Concede da Sempre al Mondo e Pregando Insieme per:

La Santissima Trinità Divina – nel Padre, nel Figlio e nello Spirito Santo Consolatore, la Creazione – Opera Straordinaria dell’Onnipotente, Il Santo Natale del Cristo di Dio, Il Santissimo Sangue del Divino Agnello, il Sangue dei Martiri Innocenti, i Santuari della Beata Vergine Maria, il Santuario della Vergine della Rivelazione in Roma, il Ricordo della Madonna dell’Arco, Santa Maria Maddalena, Giovanni il Battista – Precursore del Cammino di Gesù, San Giuseppe – coi Santi e gli Angeli del Paradiso, Le Anime Sante abbandonate in Purgatorio e per i Defunti di Tutti i Tempi, I Profeti e i Veggenti, i Perseguitati a Causa della Testimonianza Cristica, Papa Francesco, il Rabbino Capo di Roma e Tutti i Riconosciuti Giusti, i Sacerdoti e i Professanti la Fede in Dio Padre Onnipotente, i Movimenti Eucaristici e Mariani, i Gruppi di Preghiera, gli Ammalati nel Corpo e nello Spirito, i Carcerati, gli atei, gli ipocriti e i sapienti della Terra, i Bimbi Deceduti prima del Santo Battesimo, i Giovani e tutti Coloro che non Credono nella Divina Misericordia di Gesù Cristo – Figlio Prediletto dell’Altissimo, Signore nostro, Sacerdote Infallibile e Salvatore del mondo intero.

La cena del Signore GIF - Scarica & Condividi su PHONEKY

Celebrando il Memoriale del Tuo Meraviglioso Figlio, Ti Offriamo, Padre, il Pane della Vita e il Calice della Salvezza, e Ti Rendiamo Grazie per Averci Ammessi alla Tua Presenza a Compiere il Servizio Sacerdotale. Ti Preghiamo Umilmente: per la Comunione al Corpo e al Sangue di Cristo, lo Spirito Santo ci Riunisca in un Solo Corpo.  Ricordati, Padre, della Tua Chiesa Diffusa su Tutta la Terra: Rendila Perfetta nell’Amore in Unione con il nostro Papa – Francesco, e con Tutto l’Ordine Sacerdotale. Ricordati dei nostri Fratelli, Che Si Sono Addormentati nella Speranza della Risurrezione, e di Tutti i Defunti Che Si Affidano alla Tua Clemenza: Ammettili a Godere la Luce del Tuo Volto.  Di noi tutti Abbi Misericordia: Donaci di Aver Parte alla Vita Eterna, Insieme con la Beata Maria, Vergine e Madre di Dio, con gli Apostoli e Tutti i Santi, Che in Ogni Tempo Ti Furono Graditi: e in Gesù Cristo Tuo Figlio Canteremo la Tua Gloria:  “Per Cristo, Con Cristo e In Cristo, a Te, Dio, Padre Onnipotente, nell’Unità dello Spirito Santo, Ogni Onore e Gloria, per Tutti i Secoli dei Secoli.  Amen.

Risultati immagini per immagini di barre separatrici dorate

Popolo di Dio, Che Ami Con Cuore Puro il tuo Creatore, Proclama al mondo Che il Figlio Prediletto È Nuovamente quaggiù, sulla Terra, tra noi, e Avrai Salva la Vita!

118598772_0_be4eb_57427c47_XL

Se Siamo Morti Con Cristo, Crediamo Anche Che Vivremo Con Lui.  Alleluia. (Rm 6, 8)

 

La Grande Promessa della Divina Misericordia

Nascita al Cielo di Fra’ Pio da Pietrelcina

Preghiera del Mattino

Il nostro Cuore È Assetato della Tua Parola, Signore. Tu Hai Dato agli Apostoli il Compito Esaltante di Proclamare la Tua Parola e quello di Condurci al Tuo Regno. Questa Mattina, Concedici la Grazia che le nostre orecchie siano Attente e i nostri Cuori Sensibili, affinché nessuna delle Tue Parole si perda. Fa’ Che l’Insegnamento da Esse Proclamato Cada nel Terreno delle nostre Anime e vi Produca Frutti Spirituali, Garanzie di Eternità. Amen.

Dal Libro di Qoelet (Qo 3, 1-11)

Tutto Ha il Suo Momento, e Ogni Evento Ha il Suo Tempo Sotto il Cielo. C’è un Tempo per Nascere e un Tempo per Morire, un Tempo per Piantare e un Tempo per Sradicare Quel Che Si È Piantato.  Un Tempo per uccidere e un Tempo per Curare, un Tempo per Demolire e un Tempo per Costruire.  Un Tempo per Piangere e un Tempo per Ridere, un Tempo per Fare Lutto e un Tempo per Danzare.  Un Tempo per Gettare Sassi e un Tempo per Raccoglierli, un Tempo per Abbracciare e un Tempo per Astenersi dagli Abbracci.  Un Tempo per Cercare e un Tempo per Perdere, un Tempo per Conservare e un Tempo per Buttar via.  Un Tempo per Strappare e un Tempo per Cucire, un Tempo per Tacere e un Tempo per Parlare. Un Tempo per Amare e un Tempo per odiare, un Tempo per la guerra e un Tempo per la Pace.  Che guadagno ha chi si dà da fare con fatica? Ho considerato l’Occupazione Che Dio Ha Dato agli uomini perché vi si affatichino. Egli Ha Fatto Bella Ogni Cosa a Suo Tempo; inoltre Ha Posto nel loro Cuore la Durata dei Tempi, senza però che gli uomini possano Trovare la Ragione di Ciò Che Dio Compie dal Principio alla Fine. Parola di Dio. (Rendiamo Grazie a Dio).

Dal Salmo 143

Benedetto il Signore, Mia Roccia, Mio Alleato e Mia Fortezza, Mio Rifugio e Mio Liberatore, Mio Scudo in cui Confido.  Signore, che Cos’È l’Uomo perché Tu l’Abbia a Cuore? Il Figlio dell’Uomo, perché Te Ne Dia Pensiero? L’uomo È Come un Soffio, i suoi Giorni Come Ombra Che Passa.

Dal Santo Vangelo del Cristo di Dio Secondo l’Apostolo Luca (Lc 9, 18-22)

Un Giorno Gesù Si Trovava in un luogo solitario a Pregare.  I Discepoli Erano con Lui ed Egli Pose Loro Questa Domanda: «Le folle, Chi dicono Che Io Sia?». Essi Risposero: «Giovanni il Battista; altri dicono Elìa; altri Uno degli Antichi Profeti Che È Risorto».  Allora Domandò Loro: «Ma voi, Chi dite Che Io Sia?».  Pietro Rispose: «Il Cristo di Dio».  Egli Ordinò Loro Severamente di non Riferirlo ad alcuno.  «Il Figlio dell’Uomo – Disse – Deve Soffrire Molto, Essere Rifiutato dagli anziani, dai capi dei sacerdoti e dagli scribi, Venire Ucciso e Risorgere il Terzo Giorno». Parola del Signore. (Lode a Te o Cristo).

Preghiera della Sera

Signore, Tu Che Hai Dato agli Apostoli il Potere di Conservare e di Proclamare Fedelmente il Vangelo su tutta la Terra, a tutti i Popoli, Concedici un Cuore Docile e un’Anima Attenta affinché, Ascoltando il loro Insegnamento, lo Viviamo Fedelmente durante tutta la nostra Vita, per avere, nella Dimora del Padre, il Posto Che Hai Promesso ai Servi Fedeli.   Amen.

Benedetto nei Secoli il Signore!

Risultati immagini per immagini di barre separatrici dorate

O Gesù, Tu Che da Sempre Vivi, non Ti Scordar di me!

Risultati immagini per gif animate della Bibbia

Benedizione Solenne

(I Fedeli Cuori in Ascolto Si Pongano Umilmente In Ginocchio)

– Dio, Sorgente e Principio di Ogni Benedizione, Effonda su di noi la Sua Grazia e ci Doni per Sempre Vita e Salute. (Amen).

– Ci Custodisca Integri nella Fede, Costanti nella Speranza, Perseveranti e Pazienti Sino alla Fine nella Carità. (Amen).

– Dio Disponga Opere e Giorni nella Sua Pace, Ascolti Qui e in Ogni Luogo le nostre Preghiere e ci Conduca alla Felicità Eterna. (Amen).

– E la Benedizione di Dio Onnipotente, Padre, Figlio e Spirito Santo, Discenda Su di noi e con noi Rimanga Sempre. (Amen).

Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo! Amen

Ascolta la versione in Aramaico 1  (mp3)

Risultato immagini per GIF GRAZIE DELLA VISITA