Messaggio di Gesù  (a Giovanni, 01 gennaio 2022 – ore 12,00).

Il Figlio dell’Uomo Ha Chiesto di Riferire alle Creature Quanto Segue: “Figli Miei, È Giusto Sappiate Che il vostro Passaggio sulla Terra Ha Ben Altro Fine, Rispetto a quel che da Sempre v’hanno indotto ad immaginare! Infatti, Compito d’ognuno È Quello di Portare Assolutamente l’Anima a Livelli Coscienziali d’Elevato Spessore, per poi Riunirsi – Come Previsto, con l’Originaria Cellula Energetica, una Volta Lasciato sulla Terra il Corpo Assunto Sin dalla Nascita.  Badate però Bene ai Valori Espressi nel Corso della Vita Che Venne Concessa, Abbigliandovi con la Mitezza e con l’Umiltà, onde evitarvi sciagure assai catastrofiche per un non breve Periodo, mancando il Salto Verso la Luce del Mondo Che Verrà.  Non tentate di aggirar gli ostacoli Postivi innanzi dalla Divina Sapienza del Padre ma – Pregando, Scegliete la Strada meno Comoda, perché Io Sarò in Cima al Monte ad Osservarvi perdere improvvisamente ogni vostra terrena certezza, con le Gioie ed i dolori che accompagnarono l’intera Esistenza.   Tenete anche a mente che non avrete più alcun riferimento consolidato, poiché privi dell’Autentica Fede in Me, Che Sono il vostro Signore.  Proprio a Recuperarvi lo Spirito, non essendo più il Tempo delle discordie e delle rivalse, Riconciliatevi coi vostri simili e – mano nella mano, Recatevi tutti Insieme nella Sfera della Fraterna Pace, Rammentando Che – Una Volta Attraversata la Grande Porta Che Separa i Due Mondi, Verrete Assorbiti da un Amore Che nemmeno Potreste oggi immaginare e Che – Improvvisamente, vi Procurerà un Immenso Senso di vergogna, per non Esservi Sforzati di Comprendere i Segnali da Me Inviati negli Anni Precedenti alla vostra morte corporale.  Non sciupate Questa Grande Opportunità, non fate come tanti che vi hanno preceduti e che ora Piangon di Qua Lacrime amare, poiché impossibilitati a Rientrare nell’Ovile Santo, del Quale Io Solo Posseggo la Chiave, un Dì Consegnatami dall’Onnipotente Artefice della Creazione Tutta! Vi Benedico”.