Il Santo Vangelo del Giorno Venerdì del Signore 30 luglio 2021 (2028) A.D. – Con l’Amore e la Devozione Dovuti a Colui Ch’È Tornato tra noi nel Nome del Padre!

…. Scrivere della Sacra Parola È per me un Dovere, da Divulgare con Amore Spontaneo, giacché il Premio È Proprio Quello di Annunciare alle Creature la Salvifica Speranza.  Anche per Ciò, pur non contando io nulla, Esorto ad Aiutare chi Avesse Necessità di Ricevere Conforto, Pregando Insieme per le Sante Anime Abbandonate in Purgatorio, per i Defunti di Tutti i Tempi, per gli Ammalati, gli Anziani, i Fanciulli, i Poveri, i Sofferenti, i discriminati, gli atei e per i Carcerati.  Come il Buon Paolo, al Cui Ricordo il Cuor Mio Sussulta con Commozione, Tutto io misero Faccio per Questo Merletto della Veste di Cristo – Ch’È il Santo Vangelo – per l’appunto, Auspicando di Diventarne Partecipe a mia Volta, mentre in Ginocchio Attendo il Giudizio di Dio. (L’autore). 

 

 

 

 

Confiteor

(da Recitarsi possibilmente in Ginocchio, Invocando la Divina Misericordia)

 

«Confesso a Dio Onnipotente e a voi, Fratelli, Che ho molto peccato in pensieri, parole, opere e omissioni, per mia colpa, mia colpa, mia grandissima colpa. E Supplico la Beata Sempre Vergine Maria, gli Angeli, i Santi e voi, Fratelli, di Pregare per me il Signore Dio nostro.  Dio Onnipotente Abbia Misericordia di noi, Perdoni i nostri peccati e ci Conduca alla Vita Eterna.  Amen».

 

 

Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo! Amen.

Ascolta la versione in Aramaico 1  (mp3)

 

 

 

 

All’improvviso, Capirai la Vera Essenza del Cristo e Quel Che ci han di Lui celato! Avrai vergogna anche per Ciò, poiché non hai Abbandonato il tuo Cuore mentre Egli Parlava della Verità – Che ci ostiniamo a non Vedere e a non voler ancora Udire.

 

La tua cena aziendale per Natale all'Osteria Righetto | Osteria Righetto

 

Atto di Dolore

 

O Gesù, mi Pento e mi Dolgo con Tutto il Cuore dei miei peccati, perché peccando ho meritato i Tuoi Castighi e, soprattutto, perché ho offeso Te, Infinitamente Buono e Degno d’Essere Amato Sopra Ogni Cosa! Propongo – col Tuo Santo Aiuto, di non offenderTi mai più e di Fuggire le occasioni prossime di peccato.  Signore, Misericordia, Perdonami! Amen. 

 

La tua cena aziendale per Natale all'Osteria Righetto | Osteria Righetto

 

 Preghiera dal Cuore

(Atto di Amorevole Umiliazione ai Piedi della Santa Croce – in Ginocchio – 27 luglio 2019)


Più numerosi dei Capelli del Mio Capo sono coloro che Mi odiano senza ragione.  Sono potenti i nemici che Mi calunniano: quanto non Ho Rubato, lo Dovrei Restituire? Per Te Io Sopporto l’insulto e la vergogna Mi copre la Faccia; Sono un Estraneo per i Miei Fratelli, un Forestiero per i Figli di Mia Madre. Poiché Mi Divora lo Zelo per la Tua Casa, ricadono Su di Me gli oltraggi di chi Ti insulta.   Ma Io Innalzo a Te la Mia Preghiera, Signore, nel Tempo della Benevolenza; per la Grandezza della Tua Bontà, RispondiMi, per la Fedeltà della Tua Salvezza, o Dio”. (Sal 69(68),5.8-10.14.)

 

La tua cena aziendale per Natale all'Osteria Righetto | Osteria Righetto

 

Fratelli e Sorelle Carissimi, considerando Che ogni Giorno È Festa per il Cielo, prestiamo maggiore attenzione ai danni che il denaro provoca nell’Animo delle Creature della Terra, poiché il demonio s’è servito del suo stesso sterco sin dalla Fondazione della Ragione nel mondo, affascinandoci con le smanie d’arrivare chissà dove! Eppure, i cosiddetti “ricchi” di quaggiù muoiono come i Poveri, soffrendo parimenti le angosce della Vita, pur se in termini e condizioni fisiche diverse.   Eppure, il Signore Gesù Cristo Ha Ben Chiarito Questo Passaggio dell’Umana Esistenza, Esortando tutti noi all’Osservanza dei Punti Salienti, mediante l’Umiltà, la Carità e l’Amore.   Non di rado, capita di interloquire coloro che – ritenendosi “baciati dalla fortuna”, negano il Sostegno al Prossimo loro, andandosi – così, ad infilare nella via della bramosia e dell’avarizia, ch’è quella del non ritorno. All’uopo, tornerà utile osservare i contenuti della esemplare Parabola del ricco epulone e di Lazzaro, che qui riportiamo, per una più attenta e profonda Riflessione.   Una Sincero Abbraccio a Tutti, nella Grazia dell’Eterno Giudice d’Ogni Cosa, Ch’È il Magnifico Creatore, per l’Appunto.

 

 

Immagine correlata

 

 

Così Corre la Vita

(08 ottobre 1986)
 

«C’era un uomo ricco, che era vestito di porpora e di bisso e tutti i giorni banchettava lautamente. Un Mendicante, di nome Lazzaro, Giaceva alla sua porta, Coperto di piaghe, Bramoso di sfamarsi di Quello Che Cadeva dalla mensa del ricco.   Perfino i cani venivano a leccare le Sue Piaghe.   Un Giorno il Povero morì e Fu portato dagli Angeli nel Seno di Abramo.   Morì anche il ricco e fu Sepolto.   Stando nell’inferno tra i tormenti, levò gli occhi e vide di lontano Abramo e Lazzaro Accanto a Lui.   Allora gridando disse: “Padre Abramo, Abbi Pietà di me e Manda Lazzaro a Intingere nell’Acqua la punta del dito e bagnarmi la lingua, perché Questa Fiamma mi tortura”.   Ma Abramo Rispose: “Figlio, ricordati Che hai Ricevuto i tuoi Beni durante la Vita e Lazzaro parimenti i suoi mali; ora invece lui È Consolato e tu sei in mezzo ai tormenti.   Per di più, tra Noi e voi È Stabilito un Grande Abisso: coloro che di Qui vogliono passare da voi non possono, né di costì si può Attraversare Fino a Noi”.   E quegli replicò: “Allora, Padre, Ti Prego di Mandarlo a casa di mio padre, perché ho cinque Fratelli.   Li Ammonisca, perché non vengano anch’essi in Questo Luogo di Tormento”.   Ma Abramo Rispose: “Hanno Mosè e i Profeti; ascoltino Loro”.   E lui: “No, Padre Abramo, ma se qualcuno dai Morti Andrà da loro, si ravvederanno”.   Abramo Rispose: “Se non ascoltano Mosè e i Profeti, neanche se uno Risuscitasse dai Morti saranno persuasi”».

 

La tua cena aziendale per Natale all'Osteria Righetto | Osteria Righetto

 

 I Fioretti di Padre Pio

(Il Digiuno del contadino)

 

A San Martino in Pensilis (Campobasso) Viveva un contadino che si chiamava Andrea Bacile. Questo contadino non metteva mai piede in Chiesa, né si accostava ai Sacramenti, perché si diceva ateo e non bisognoso di Religione.  Aveva moglie e Figli che Amava Sinceramente e a cui provvedeva con sollecitudine.   Con la moglie non andava sempre d’accordo.   Una sera litigò con lei in modo tale che la piantò in asso e, dopo avere preparato lui stesso la cena per sé e per i Figli, se ne andò imbronciato a letto.   Non aveva ancora spento la luce nella sua stanza da letto, quando all’improvviso Si Presentò davanti a lui Padre Pio in Persona.   Poiché Lo aveva visto in tante fotografie e immagini, non stentò a riconoscerLo e, senza scomporsi, Gli disse: «Padre, mi voglio Confessare».   E Padre Pio: «No!».   E poi Scomparve.   Bacile il Mattino dopo si Riconciliò con la moglie e poi volle andare a trovare Padre Pio, facendo la strada da San Martino in Pensilis a San Giovanni Rotondo a piedi e Digiuno.   Al Convento di San Giovanni giunse la Sera del terzo Giorno, sfinito e affamato, ma volle subito Confessarsi da Padre Pio, il Quale lo Accolse, lo Confessò, lo Assolse e poi, senza aver mai saputo niente di lui, gli Disse: «E ora va’ a Mangiare!».

 

 

Immagine correlata

 

 

Benediciamo il Santo Nome del Signore, mentre Preghiamo insieme per:

 

 

La Santissima Trinità Divina – nel Padre, nel Figlio e nello Spirito Santo Consolatore, la Creazione – Opera Straordinaria dell’Onnipotente, Il Santo Natale del Cristo di Dio, Il Santissimo Sangue del Divino Agnello, il Sangue dei Martiri, i Santuari della Beata Vergine Maria, il Santuario della Vergine della Rivelazione in Roma, il Ricordo della Madonna dell’Arco, Santa Maria Maddalena, Giovanni il Battista – Precursore del Cammino di Gesù, San Giuseppe – coi Santi e gli Angeli del Paradiso, Le Anime Sante abbandonate in Purgatorio e per i Defunti di tutti i Tempi, I Profeti e i Veggenti, i Perseguitati a Causa della Testimonianza Cristica, Papa Francesco, il Rabbino Capo di Roma e tutti i Riconosciuti Giusti, i Sacerdoti e i Professanti la Fede in Dio Padre Onnipotente, i Movimenti Eucaristici e Mariani, i Gruppi di Preghiera, gli Ammalati nel Corpo e nello Spirito, i Carcerati, gli atei, gli ipocriti e i sapienti della Terra, i Bimbi Deceduti prima del Santo Battesimo, i Giovani e tutti Coloro che non Credono nella Divina Misericordia di Gesù Cristo – Figlio Prediletto dell’Altissimo, Signore nostro, Sacerdote Infallibile e Salvatore del mondo intero.

 

 

La cena del Signore GIF - Scarica & Condividi su PHONEKY

 

 

Celebrando il Memoriale della Risurrezione del Tuo Figlio, Ti Offriamo, Padre, il Pane della Vita e il Calice della Salvezza, e Ti Rendiamo Grazie per Averci Ammessi alla Tua Presenza a Compiere il Servizio Sacerdotale. Ti Preghiamo Umilmente: per la Comunione al Corpo e al Sangue di Cristo lo Spirito Santo ci Riunisca in un Solo Corpo.  Ricordati, Padre, della Tua Chiesa Diffusa su Tutta la Terra: Rendila Perfetta nell’Amore in Unione con il nostro Papa – Francesco, e con Tutto l’Ordine Sacerdotale. Ricordati dei nostri Fratelli, Che Si Sono Addormentati nella Speranza della Risurrezione, e di Tutti i Defunti Che Si Affidano alla Tua Clemenza: Ammettili a Godere la Luce del Tuo Volto.   Di noi tutti Abbi Misericordia: Donaci di Aver Parte alla Vita Eterna, Insieme con la Beata Maria, Vergine e Madre di Dio, con gli Apostoli e Tutti i Santi, Che in Ogni Tempo Ti Furono graditi: e in Gesù Cristo Tuo Figlio Canteremo la Tua Gloria:  Per Cristo, con Cristo e in Cristo, a Te, Dio, Padre Onnipotente, nell’Unità dello Spirito Santo, Ogni Onore e Gloria, per Tutti i Secoli dei Secoli.  Amen.

 

La tua cena aziendale per Natale all'Osteria Righetto | Osteria Righetto

 

Popolo di Dio, che Ami con Cuore Puro il tuo Creatore, Proclama al mondo Che il Figlio Prediletto È Nuovamente quaggiù, sulla Terra, tra noi, e Avrai Salva la Vita!

 

 

118598772_0_be4eb_57427c47_XL

 

 

Se Siamo Morti con Cristo, Crediamo anche Che Vivremo con Lui.  Alleluia. (Rm 6, 8)

 

 

Risultato immagini per gif animate del Vangelo

 

 

Preghiera del Mattino

Dio Onnipotente, anche Oggi Tu ci Affidi il Tuo Mondo Come un Campo Che È Necessario Lavorare. Anche Oggi dovrò accorgermi Che il Grano Cresce mescolato con la zizzania: non solo attorno a me, ma in me stesso non riuscirò spesso a distinguere completamente il bene dal Male. Concedimi la Grazia di avere una Lunga Pazienza, di Rispettare i Tempi che non mi Appartengono, e le Coscienze che non mi è dato di Giudicare. Ma non Permettere che la Pazienza si tramuti in me in complicità e in indifferenza. Amen.

Detti dei padri  (La Stabilità)

Troverai la Stabilità nel Momento in Cui Scoprirai Che Dio È in Ogni Luogo, Che non hai bisogno di CercarLo altrove, Che Egli È qui e, se tu non Lo Trovi qui, è inutile andare a ScoprirLo da qualche altra parte, perché non È Lui Che assente da noi, ma siamo noi che siamo assenti da Lui… Questo È Importante, perché È Solo nel Momento in Cui Riconosci Ciò, Che Puoi Veramente Trovare la Pienezza del Regno di Dio in Tutta la Sua Ricchezza Dentro di te; Che Dio È Presente in Ogni Situazione e Ovunque e Che tu Potrai dire: “Allora Starò dove sono”.

Antifona

Dio Sta nella Sua Santa Dimora: a chi è Solo Fa Abitare una Casa; Dà Forza e Vigore al Suo Popolo. (Cf. Sal 67, 6.7.36)

Dal Libro del Levìtico (Lv 23, 1, 4-11. 15-16. 27. 34-)

Il Signore Parlò a Mosè e Disse: «Queste Sono le Solennità del Signore, le Riunioni Sacre Che Convocherete nei Tempi Stabiliti.  Il Primo Mese, al Quattordicesimo Giorno, al Tramonto del Sole Sarà la Pasqua del Signore; il Quindici dello Stesso Mese Sarà la Festa degli Àzzimi in Onore del Signore; per Sette Giorni Mangerete Pane senza Lievito.  Nel Primo Giorno Avrete una Riunione Sacra: non Farete alcun Lavoro servile.  Per Sette Giorni Offrirete al Signore Sacrifici Consumati dal Fuoco.  Il Settimo Giorno Vi Sarà una Riunione Sacra: non Farete alcun Lavoro servile».   Il Signore Parlò a Mosè e Disse: «Parla agli Israeliti Dicendo Loro: “Quando Sarete Entrati nella Terra Che Io Vi Do e Ne Mieterete la Messe, Porterete al Sacerdote un Covone, Come Primizia del Vostro Raccolto.  Il Sacerdote Eleverà il Covone Davanti al Signore, perché Sia Gradito per il Vostro Bene; il Sacerdote Lo Eleverà il Giorno Dopo il Sabato.   Dal Giorno Dopo il Sabato, Cioè dal Giorno in Cui Avrete Portato il Covone per il Rito di Elevazione, Conterete Sette Settimane Complete.   Conterete Cinquanta Giorni Fino all’Indomani del Settimo Sabato e Offrirete al Signore una Nuova Oblazione.   Il Decimo Giorno del Settimo Mese Sarà il Giorno dell’Espiazione; Terrete una Riunione Sacra, Vi Umilierete e Offrirete Sacrifici Consumati dal Fuoco in Onore del Signore.   Il Giorno Quindici di Questo Settimo Mese Sarà la Festa delle Capanne per Sette Giorni in Onore del Signore.   Il Primo Giorno Vi Sarà una Riunione Sacra; non Farete alcun Lavoro servile. Per Sette Giorni Offrirete Vittime Consumate dal Fuoco in Onore del Signore.   L’Ottavo Giorno Terrete la Riunione Sacra e Offrirete al Signore Sacrifici Consumati con il Fuoco.   È Giorno di Riunione; non Farete alcun Lavoro servile.  Queste Sono le Solennità del Signore nelle Quali Convocherete Riunioni Sacre, per Presentare al Signore Sacrifici Consumati dal Fuoco, Olocausti e Oblazioni, Vittime e Libagioni, Ogni Cosa nel Giorno Stabilito”».   Parola di Dio.

Salmo 80  (Esultate in Dio, nostra Forza)

Intonate il Canto e Suonate il Tamburello, la Cetra Melodiosa con l’Arpa.  Suonate il Corno nel Novilunio, nel Plenilunio, Nostro Giorno di Festa.  Questo È Un Decreto per Israele, Un Giudizio del Dio di Giacobbe, Una Testimonianza Data a Giuseppe, Quando Usciva dal paese d’Egitto.  Non ci Sia in Mezzo a te un dio estraneo e non Prostrarti a un dio straniero.  Sono Io il Signore, tuo Dio, Che ti Ha Fatto Salire dal paese d’Egitto. 

Canto al Santo Vangelo

Alleluia, Alleluia.  La Parola del Signore Rimane in Eterno: e Questa È la Parola del Vangelo Che vi È Stato Annunciato.  Alleluia.

Dal Santo Vangelo del Cristo Di Dio Secondo l’Apostolo Matteo (Mt 13, 54-58)

In Quel Tempo Gesù, Venuto nella Sua Patria, Insegnava nella Loro Sinagoga e la Gente Rimaneva Stupita e diceva: «Da Dove Gli Vengono Questa Sapienza e i Prodigi? Non È Costui il Figlio del Falegname? E Sua Madre non Si Chiama Maria? E i Suoi Fratelli, Giacomo, Giuseppe, Simone e Giuda? E le Sue Sorelle non Stanno Tutte da noi? Da Dove Gli Vengono Allora Tutte Queste Cose?».  Ed Era per loro Motivo di scandalo.   Ma Gesù Disse loro: «Un Profeta non È disprezzato se non nella Sua Patria e in Casa Sua».   E Lì, a Causa della loro incredulità, non Fece Molti Prodigi.   Parola del Signore.

Preghiera della Sera

Signore Gesù, mi sono Avvicinato di un’Altra Giornata al Tuo Giudizio Che Separerà Definitivamente il Bene dal male, i Buoni dai cattivi. Ti Prego perché all’Ultimo Giorno Tu Possa “Chiamarmi con i Benedetti”. Fa’ che il male che cresce nel Mondo non si diffonda. Fa’ che gli uomini tutti possano essere Vinti e Attratti dal Miracolo della Tua Grazia, in Modo Che il Tuo Giudizio Finale Possa Essere una Sorpresa, al di Là di Quanto Osiamo Sperare. Amen.

Benedetto nei Secoli il Signore!

 

La tua cena aziendale per Natale all'Osteria Righetto | Osteria Righetto

 

O Gesù, Tu Che da Sempre Vivi, non Ti Scordar di me!

 

 

Risultati immagini per gif animate della Bibbia

 

 

Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo! Amen.

Ascolta la versione in Aramaico 1  (mp3)