Il Santo Vangelo del Giorno Sabato del Signore 15 maggio 2021 (2028) A.D. – Con l’Amore e la Devozione Dovuti a Colui Ch’È Tornato tra noi nel Nome del Padre!

…. Scrivere della Sacra Parola È per me un Dovere da Divulgare con Amore Spontaneo, giacché il Premio È Proprio Quello di Annunciare alle Creature la Salvifica Speranza.  Anche per Ciò, pur non contando io nulla, Esorto ad Aiutare chi Avesse Necessità di Ricevere Conforto, Pregando Insieme per le Sante Anime Abbandonate in Purgatorio, per i Defunti di Tutti i Tempi, per gli Ammalati, gli Anziani, i Fanciulli, i Poveri, i discriminati, gli atei e per i Carcerati.  Come il Buon Paolo, al Cui Ricordo il Cuor Mio Sussulta con Commozione, Tutto io misero Faccio per Questo Merletto della Veste di Cristo – Ch’È il Santo Vangelo – per l’appunto, Auspicando di Diventarne Partecipe a mia Volta, mentre in Ginocchio – e Sereno, Attendo il Giudizio di Dio. (L’autore). 

 

 

 

 

All’improvviso, capirai la Vera Essenza del Cristo e Quel Che ci han di Lui celato! Avrai vergogna anche per Ciò, poiché non hai Abbandonato il tuo Cuore mentre Egli Parlava della Verità – Che ci ostiniamo a non Vedere e a non voler ancora Udire.

 

La tua cena aziendale per Natale all'Osteria Righetto | Osteria Righetto

 

Atto di Dolore 

 

O Gesù, mi Pento e mi Dolgo con Tutto il Cuore dei miei peccati, perché peccando ho meritato i Tuoi Castighi e, soprattutto, perché ho offeso Te, Infinitamente Buono e Degno d’Essere Amato Sopra Ogni Cosa! Propongo – col Tuo Santo Aiuto, di non offenderTi mai più e di Fuggire le occasioni prossime di peccato.  Signore, Misericordia, Perdonami! Amen.

 

La tua cena aziendale per Natale all'Osteria Righetto | Osteria Righetto

 

Pace e Bene. Molti Fratelli e Sorelle ci scrivono perché interessati a conoscere l’Aspetto celato del noto “Terzo Segreto di Fatima”, Dato dalla Vergine ai tre Pastorelli! Eppure, come abbiamo molte altre volte scritto, i Messaggi del Signore – Unitamente a Quelli delle Altre Autorità Celesti, Hanno Ampiamente Svelato Quello Che Accadrà, benché nella Tremenda Apocalisse Giovanni Avesse Ben Dettagliato già Tutto Quanto. Inoltre, V’È un Altro Luogo Santo in Roma – alle Tre Fontane, Ove la Vergine della Rivelazione – Ch’È poi Proprio dell’Apocalisse, Mandò a Dire al Popolo di Dio Quanto Sarebbe Accaduto quaggiù, Specificando. Ma noi andiamo sempre di corsa, amiamo perderci in chiacchiere e commenti utili solo ad evitar la noia del momento. Preghiamo per i tiepidi e i distratti, poiché il Signore Gesù – Ch’È Tornato tra noi, Ebbe a Dire Che li “Avrebbe Vomitati”, per via del reiterato non voler comprendere.  A buon intenditor… poche parole!

 

 

 

 

Messaggio dalle Anime del Purgatorio

(a Giovanni – Domenica della Divina Misericordia 11 aprile 2021)

 

“Fratelli e Sorelle della Terra, vi siete lasciati condurre per mano dal frastuono del mondo, ricordandovi solo occasionalmente di noi, Qui Rimaste a Purgar le colpe commesse un Dì sulla Terra quando, ignare, non pensavamo affatto a Quel Che oggi invece purtroppo Viviamo!  Eppure, dovreste aver Compreso Che la Legge del Padre Onnipotente non Solo È Inesorabile, ma finanche Giusta, in Applicazione al Dettato Previsto per la Elevazione dello Spirito ai Piani Superiori, Livelli Disposti Proprio per la Progressione Universale dello Spirito.

Da Questo Luogo di Profonda Costernazione, Abbiamo Ricevuto il Permesso di Osservare il grande dispendio di Forze Che ogni Giorno profondete anche inutilmente, anzi recando ancor più danno a voi stessi e ai vostri Cari! Sappiate Che siamo state un Giorno tutte Vittime del fragoroso inganno del demonio, nemico della Divina Grazia e sempre pronto ad irretire le Creature, solleticandone i bassi istinti al punto da far dimenticare loro Che, al Termine del Percorso Originariamente Stabilito da Colui Che È, Ogni pur minimo gesto Si Dovrà Rendicontare, senza Che Alcuna Autorità Celeste Possa Intervenire ad Alleviare la conseguenza del benché minimo errore commesso in Vita.

Infatti, Uomini e Donne ospiti del Pianeta, nemmeno riuscireste ad immaginare la Sofferenza nostra, nel Veder Passare Accanto l’Immenso Amore di Gesù, senza PoterLo Degnamente Accogliere nella Sua Gloria, Private della Dolcezza d’un Suo Semplice ma Rassicurante Sguardo! I nostri peccati hanno determinato ciò, Costringendo i Collaboratori dell’Altissimo a Vigilare sui nostri Passi, a Sorvegliare persino i nostri Pensieri, giacché non possiamo nascondere ormai più nulla, essendo state Spogliate di Qualsivoglia Volontà.

Tuttavia, l’Armonia Regna Sovrana, Lasciando una Sensazione di Tenerezza ad Ogni Alito di Vento, ma il Ricordo del trascorso Confligge col Desiderio Innato di Volare ai Piedi del Trono Celeste, Cosa Che Potremmo Ottenere di Certo più Rapidamente, se solo vi Occupaste di noi con la medesima Passione che impiegate nel Curar le materiali incombenze della umana Esistenza! Sappiate ancora Che Alcune Anime Stazionano Qui ormai da Secoli, perché dimenticate dai terrestri e per non aver Insegnato la Preghiera agli allora discendenti! Riflettete su d’un ritornello, apparentemente casuale, ma foriero di una Fondamentale Verità; “noi Eravamo quel che voi siete e voi sarete quel che noi siamo.

Sia Lode al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, mentre un Nostro Particolarissimo Ringraziamento Corre alla Dolcissima Madonna, Sempre Pronta ad Intonare Canti per noi Tutti e ad Asciugar le Calde Lacrime di rammarico, Così Sollevando i nostri Cuori, con gli Angeli, dalla pungente Disperazione! Pregate, Digiunate, Ponete in Pratica Opere di Carità e Sovvenite ai Bisogni del Prossimo vostro anche con le Sante Messe, affinché non abbiate a Pentirvi amaramente un Giorno d’aver Trascurato l’Essenza Stessa del Passaggio Intrapreso nel conosciuto mondo.

Non Abbandonateci ulteriormente al triste stato a noi Destinato, ve Ne Preghiamo! Grazie”.

 

La tua cena aziendale per Natale all'Osteria Righetto | Osteria Righetto

 

Messaggio di Gesù

(a Giuseppe Auricchia, Avola (SR) – 24.11.2002, ore 12:00)

 

La Mia Voce Sia Sentita per tutta la Terra”.

  

“Cari Figli, oggi il 24 del mese, Io Vengo con la Mia Santissima Madre, Dico agli uomini superbi, pieni di odio, d’orgoglio del proprio io: dov’è la Penitenza? Il vostro Sacrificio, la Preghiera, l’Amore, l’Umiltà, la Carità verso il Prossimo?  Queste Cose non Le avete e vi siete allontanati. Attenti uomini, ancora per pochissimo tempo Illuminerò la Terra. Io Sono lo Spirito Eterno Disceso dal Cielo e Spiritualmente Sono sulla Terra in mezzo a voi. Lo sappiano i teologi moderni senza Fede, lo sappia la Chiesa Cattolica Apostolica Romana, lo sappiano i Vescovi, i  Sacerdoti, Tutti i Credenti veri e falsi. Ma sappiano gli uomini che governano il mondo, che gridano alla Pace, mentre affilano le armi per la guerra, che si compiranno la Profezia di Fatima e le Sacre Scritture. Io Desidero Che la Mia Voce Sia sentita per tutta la Terra. Mai , mai come in questi tempi È Necessario Che Tutti La odano, L’ascoltino, perché i Tempi Che Vivete Sono molti difficili. Ma il male, con la prepotenza malefica insidia il  Cuore delle Creature, povere e deboli, attaccate alla pesantezza del peccato e sprofondano nella melma della colpa. È Necessario ed Urgente Che Questa Mia Opera Sia Diffusa su Tutta la Terra, Attraverso te, Piccolo Strumento, Umile e Ubbidiente, Che hai iniziato il Mio Cammino  per le  vie del tuo paese. O Figli Miei Carissimi, Mie Creature, sentite la Mia Voce, sentite l’Invito Costante e Premuroso alla Conversione, non allontanatevi da Me: lontano da Me, troverete solo le tenebre. Accorrete a Me, stringetevi a Me, perché Io Sono il Cristo Vivente della vostra Salvezza, della vostra Vita, della vostra Luce, Sono il vostro Appoggio Che cercate!  Io Sono Qui, in Questo Luogo Santo, accostatevi  nell’Amore, venite, vi Aspetto, per Insegnarvi la Via, l’Unica Via Che vi Conduce nel Regno del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Grazie che siete venuti. Io Tornerò,  vi Parlerò ancora l’ultima Domenica di Dicembre. Andate, Figli, andate alle vostre Case  con la Mia Santa Benedizione, nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo”.

 

 

La cena del Signore GIF - Scarica & Condividi su PHONEKY

 

 

Celebrando il Memoriale della Morte e Risurrezione del Tuo Figlio, Ti Offriamo, Padre, il Pane della Vita e il Calice della Salvezza, e Ti Rendiamo Grazie per Averci Ammessi alla Tua Presenza a Compiere il Servizio Sacerdotale. Ti Preghiamo Umilmente: per la Comunione al Corpo e al Sangue di Cristo lo Spirito Santo ci Riunisca in un Solo Corpo.  Ricordati, Padre, della Tua Chiesa Diffusa su Tutta la Terra: Rendila Perfetta nell’Amore in Unione con il nostro Papa – Francesco, e con Tutto l’Ordine Sacerdotale.   Ricordati dei nostri Fratelli, Che Si Sono Addormentati nella Speranza della Risurrezione, e di Tutti i Defunti Che Si Affidano alla Tua Clemenza: Ammettili a Godere la Luce del Tuo Volto.   Di noi tutti Abbi Misericordia: Donaci di Aver Parte alla Vita Eterna, Insieme con la Beata Maria, Vergine e Madre di Dio, con gli Apostoli e Tutti i Santi, Che in Ogni Tempo Ti Furono graditi: e in Gesù Cristo Tuo Figlio Canteremo la Tua Gloria:  Per Cristo, con Cristo e in Cristo, a Te, Dio, Padre Onnipotente, nell’Unità dello Spirito Santo, Ogni Onore e Gloria, per Tutti i Secoli dei Secoli.  Amen.

 

La tua cena aziendale per Natale all'Osteria Righetto | Osteria Righetto

 

Popolo di Dio, che Ami con Cuore Puro il tuo Creatore, Proclama al mondo Che il Figlio Prediletto È Nuovamente quaggiù, sulla Terra, tra noi, e Avrai Salva la Vita!

 

Risultato immagini per gif animate del Vangelo

 

Preghiera del Mattino

Signore, Tu ci Chiedi di Chiamare Dio “Padre Nostro”, perché Lui Solo È Davvero Paterno senza Essere Possessivo. Egli, anche se siamo peccatori, non ci Chiama “Servi”, perché Viviamo nel Calore di una Famiglia, non nella paura. Fa’ Che Possiamo Trasmettere ad un Mondo agitato Questa Paternità Che non opprime, Quest’Amore Che Innalza, Illumina e Rende Liberi. Amen.

Detti dei padri

Uno degli anziani era solito dire: All’inizio, quando ci trovavamo, eravamo soliti parlare di qualcosa di Buono per le nostre Anime.  Continuando Così Siamo Saliti Fino al Cielo.   Ma adesso, quando ci troviamo passiamo il Tempo a criticare tutto e ci trasciniamo l’un l’altro nell’abisso.

Antifona

Voi, Popolo Che Dio Si È Acquistato, Proclamate le Sue Opere Meravigliose: dalle tenebre vi Ha Chiamati alla Sua Ammirabile Luce. Alleluia. (Cf. 1 Pt 2, 9)

Colletta

O Signore, Disponi Sempre al Bene i nostri Cuori, perché, nel Continuo Desiderio di Elevarci a Te, Possiamo Vivere Pienamente il Mistero Pasquale.  Per il nostro Signore Gesù Cristo, Tuo Figlio, Che È Dio, e Vive e Regna con Te, nell’Unità dello Spirito Santo, Ogni Onore e Gloria per Tutti i Secoli dei Secoli.   Amen.

Dagli Atti degli Apostoli (At 18, 23-28)

Trascorso ad Antiòchia un po’ di Tempo, Paolo Partì: Percorreva di seguito la regione della Galàzia e la Frìgia, Confermando Tutti i Discepoli.  Arrivò a Èfeso un Giudeo, di nome Apollo, nativo di Alessandria, uomo colto, esperto nelle Scritture.  Questi era Stato Istruito nella Via del Signore e, con Animo Ispirato, Parlava e Insegnava con Accuratezza Ciò Che Si Riferiva a Gesù, sebbene Conoscesse soltanto il Battesimo di Giovanni.  Egli Cominciò a Parlare con Franchezza nella Sinagoga.  Priscilla e Aquila Lo Ascoltarono, poi Lo Presero con Sé e Gli Esposero con Maggiore Accuratezza la Via di Dio.  Poiché Egli Desiderava Passare in Acàia, i Fratelli Lo Incoraggiarono e Scrissero ai Discepoli di Fargli Buona Accoglienza.   Giunto là, Fu Molto Utile a Quelli Che, per Opera della Grazia, Erano Divenuti Credenti. Confutava infatti Vigorosamente i Giudei, Dimostrando pubblicamente Attraverso le Scritture Che Gesù È il Cristo.   Parola di Dio.

Salmo 46  (Dio È Re di Tutta la Terra).

Popoli Tutti, Battete le mani! Acclamate Dio con Grida di Gioia, perché Terribile È il Signore, l’Altissimo, Grande Re su Tutta la Terra.  Perché Dio È Re di Tutta la Terra, Cantate Inni con Arte.  Dio Regna sulle genti, Dio Siede sul Suo Trono Santo.  I Capi dei Popoli Si Sono Raccolti Come Popolo del Dio di Abramo.  Sì, a Dio Appartengono i Poteri della Terra: Egli È Eccelso.

Dal Santo Vangelo del Cristo di Dio Secondo l’Apostolo Giovanni (Gv 16, 23-28)

In Quel Tempo, Disse Gesù ai Suoi Discepoli: «In Verità, in Verità Io vi Dico: se Chiederete Qualche Cosa al Padre nel Mio Nome Egli ve La Darà.  Finora non Avete Chiesto nulla nel Mio Nome.   Chiedete e Otterrete, perché la vostra Gioia Sia Piena.   Queste Cose ve Le Ho Dette in Modo Velato, ma Viene l’Ora in Cui non vi Parlerò Più in Modo Velato e Apertamente vi Parlerò del Padre.   In Quel Giorno Chiederete nel Mio Nome e non vi Dico Che Pregherò il Padre per voi: il Padre Stesso infatti vi Ama, perché voi Avete Amato Me e Avete Creduto Che Io Sono Uscito Da Dio.  Sono Uscito dal Padre e Sono Venuto nel Mondo; Ora Lascio di Nuovo il Mondo e Vado al Padre».   Parola del Signore.

Preghiera della Sera

Padre, mentre il Giorno Volge al Termine, Meditiamo sulle Grandi Verità. Liberaci dai problemi e dalla frenesia della nostra Giornata. Tienici lontani dalla tirannia della materialità e dall’attrazione degli idoli comuni. I nostri Cuori si Concentrino sui Pensieri della morte e sul Dono della Pace Eterna. Amen.

Benedetto nei Secoli il Signore!

 

La tua cena aziendale per Natale all'Osteria Righetto | Osteria Righetto

 

O Gesù, Tu Che da Sempre Vivi, non Ti Scordar di me!

 

Risultati immagini per gif animate della Bibbia

 

Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo! Amen.

Ascolta la versione in Aramaico 1  (mp3)