Testimonianza (dalla cella del Buon Consiglio 28 febbraio 2021)

 

 

 

 

“… Quando Verremo Chiamati a Restituire al Signore Iddio Ogni Concessione Ottenuta Sin dall’Originaria Nascita, Solo Allora Comprenderemo la Straordinarietà del Ruolo di Gesù nell’Universo Tutto e la Differenza tra la Magnifica Storia Sua e quella delle dai noi ritenute altre autorità.

Proiettati nella Sfolgorante e Bianca Luce dell’Oltre, ci Ritroveremo Innanzi ad un’Immensa Distesa Verde, dalla Quale Noteremo Aprirsi delle non Brevi e Curvilinee Vie, Ognuna delle Quali Condurrà ad una Ben Precisa Mèta. 

Sarà Quella la nostra Ultima Scelta, Prima della Destinazione Finale, Agevolata dai Filtri della Catena Celeste, Incaricati Proprio dall’Agnello ad Orientar le Anime dei Figli del Tempo, poi Trapassati.

La Terrena Fede nel Figlio dell’Uomo – per l’appunto, Mantenuta Rocciosamente in Vita, Connaturerà il Salvifico Percorso, Aprendo un Varco Indimenticabile agli Occhi di Coloro Che Avranno Beneficiato di Cotanto Puro Amore nell’Umano Cuore, Che alla Verità Scelsero di Dedicare l’Intera Esistenza nel mondo che fu, Rispettando i Rappresentanti un Dì Delegati dal Giusto alla Divulgazione della Parola. 

Le Creature Attente Prestino dunque Attenzione alle Ricorrenti Raccomandazioni circa i Digiuni e le Preghiere, non fosse altro ad evitare di trovarsi impreparate al Presentarsi delle ormai inevitabili Prove, tenendo altresì Sempre a Mente Che tutto quaggiù si paga, Conto Finale Compreso.

Chi ha orecchie per Intendere non sciupi le Occasioni Poste a Recupero dello Spirito, leggendo Scupolosamente questa Vera e Propria Esortazione, Ispirata dalla Madonna ad una Creatura, indegna di Tale Grazia!”.

 

All’improvviso, Capirai la Vera Essenza del Cristo e Quel Che ci han di Lui celato! Avrai vergogna anche per Ciò, poiché non hai Abbandonato il tuo Cuore – mentre Egli Parlava della Verità, Che ci ostiniamo a non Vedere e a non voler ancora Udire”.