Il Santo Vangelo del Giorno giovedì del Signore 19 novembre 2020 (2027) A.D. – Con l’Amore e la Devozione Dovuti a Colui Ch’È Tornato tra noi nel Nome del Padre!

 

 

 

 

O Gesù, Tu Che da Sempre Vivi, non Ti Scordar di me!.

 

 

 

 

 

 

 

Poiché “Il Potere di Cristo Espelle l’originaria causa di ogni male”, Dedicheremo il Santo Vangelo del Giorno all’Amore e alla Divina Misericordia di Gesù Salvatore, affinché Conceda il Suo Perdono alle Anime Sante Abbandonate in Purgatorio e ai Defunti di Tutti i Tempi, Privati della Diffusa e Salvifica Preghiera di noi distratti Figli di quaggiù. Per Grazia Ricevuta.

 

 

 

 

 

 

All’improvviso, comprenderai la Vera Essenza del Cristo di Dio e Quel Che ci han di Lui celato! Avrai vergogna anche per Ciò, poiché non hai Abbandonato il tuo Cuore mentre Egli Parlava della Verità – Che ci ostiniamo a non vedere e a non voler ancora udire.

 

 

 

Risultati immagini per pergamena dell'Atto di Dolore

 

Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen

 

 

 

 

 

Pace e Bene a tutti Voi che piangete quando leggete le Pagine della Verità, con le Parole Tramandate dal Signore e ad Egli Rivolte, perché Permanga bene nei Cuori la Memoria di Colui Che Generò l’intera Razza Umana, Facendo sì che i Pianeti si incontrassero per il tempo strettamente necessario a far convergere le genti d’ogni razza sulla Terra, Che al momento noi abitiamo. Un profondo Cambiamento E’ in atto, benché alcuni facciano di tutto perché nessuno se ne accorga! E’ infatti Questo il Periodo tanto atteso … Che necessita – però, di un Amore Speciale, perché il Tutto Si Compia Come Previsto! Francesco Bergoglio – il Gesuita Papa Nero, Predisporrà il mondo agli Straordinari Eventi, poiché l’allora Bimbo Ebreo Si Appresta ad Insediare oggi il Divino Trono quaggiù … proprio in mezzo a noi. Preghiamo anche per il profondo e sopraggiunto Pentimento dell’ormai Collaborante Benedetto XVI, Cui il Signore Misericordioso Piegò infine le ginocchia. Un Fraterno e sincero abbraccio ai Fratelli dell’Unico ed Eterno Dio Onnipotente, in Gesù Cristo Re e Nostro Salvatore.

 

 

 

 

 

 

 

Padre, abbiamo Bisogno di Te!

(Anonimo – riadattato dal libro “Preghiamo il Padre” – “Armata Bianca”)

 

 

 

 

Padre, abbiamo Bisogno di Te,

per RicercarTi Sempre con Instancabile Desiderio…

per Scoprire l’Immagine del Tuo Cristo nei nostri Fratelli…

per TrovarTi AdorandoTi e Accettando Sempre le Disposizioni del Tuo Volere…

per RisponderTi con la Prontezza dell’Offerta Totale…

per non calcolare il costo del nostro  Sacrificio…

per non tirarci indietro dinanzi alla fatica…

per non scoraggiarci nella durezza della Prova…

per Abbracciare quotidianamente la nostra Croce..

per Mortificare tutte le insorgenze del nostro egoismo..

per Abbandonarci sempre Felicemente nelle Tue Mani..

per non darci alcun pensiero per il nostro domani..

per morire a noi stessi ogni giorno e vivere per la Tua Gloria…

per non aver paura della nostra morte e attenderla Come un Incontro con Te…

per Ascoltare e Vivere avidamente la Parola del Tuo Verbo…

per Identificarci con l’ideale del Suo Vangelo d’Amore..

per Giungere all’Unione più Intima dell’Amore nella Vita della Santissima Trinità…

per Essere i Bimbi Piccolissimi della Celeste Madre Maria…

Grazie, o Dolce Creatore, Amen!

 

 

 

 

Testimonianza

(San Roberto Belarmino)

 

 

I nostri Suffragi per le Anime Purganti

 

 

 

 

“Per quattro motivi dobbiamo Meditare sul Purgatorio e Pregare per le Anime Purganti.

1. Le Pene del Purgatorio Sono più acerbe di tutte le pene di questa Vita.

2. Le Pene del Purgatorio Sono lunghissime.

3. Le Anime Purganti non Possono Aiutarsi da Sé, ma solo noi possiamo SuffragarLe.

4. Le Anime del Purgatorio Sono Moltissime, Vi Rimangono lunghissimamente, Soffrono Pene innumerevoli”.

 

 

 

La cena del Signore GIF - Scarica & Condividi su PHONEKY

 

 

 

 

Cristo di Dio, Benedici Tutto il Cibo Che ci apprestiamo a consumare, affinché Porti quotidianamente il Frutto Salvifico Tuo ai Corpi e alle Anime delle Creature a Te Fedeli! Amen.

 

 

 

118598772_0_be4eb_57427c47_XL

 

 

 

Preghiera del Mattino

Non piangere! Nessuno aveva potuto Consolare il Tuo Popolo, e Tu Vieni Come un Agnello Offerto con la Purezza e la Dolcezza, Solo Armi contro il male, e Trionfi! Tu mi Dici: Non piangere per Tutto Ciò Che Verrà, non temere nessuno dei dolori e delle catastrofi dell’Apocalisse, dello Svelamento Finale di ogni cosa, poiché Io Sarò un Leone per il nemico, ma per te Sarò Come un Agnello. Amen.

Dal Libro dell’Apocalisse di San Giovanni Apostolo (Ap 5,1-10)

Io, Giovanni, vidi nella Mano Destra di Colui Che Sedeva sul Trono, un Libro Scritto sul Lato Interno e su Quello Esterno, Sigillato con sette Sigilli. Vidi un Angelo Forte Che Proclamava a Gran Voce: «Chi è Degno di aprire il Libro e Scioglierne i Sigilli?». Ma nessuno né in Cielo, né in Terra, né Sotto Terra, era in grado di Aprire il Libro e di guardarlo. Io piangevo molto, perché non fu trovato nessuno Degno di Aprire il Libro e di guardarlo. Uno degli anziani mi disse: «Non piangere; Ha Vinto il Leone della Tribù di Giuda, il Germoglio di Davide, e Aprirà il Libro e i Suoi sette Sigilli». Poi vidi, in mezzo al Trono, Circondato dai quattro esseri viventi e dagli anziani, un Agnello, in Piedi, Come Immolato; aveva sette Corna e sette Occhi, i Quali Sono i sette Spiriti di Dio Mandati su Tutta la Terra. Giunse e Prese il Libro dalla Destra di Colui Che Sedeva sul Trono. E quando l’Ebbe Preso, i quattro esseri viventi e i ventiquattro anziani si Prostrarono Davanti all’Agnello, avendo ciascuno una Cetra e Coppe d’Oro Colme di Profumi, Che Sono le Preghiere dei Santi, e Cantavano un Canto Nuovo: «Tu Sei Degno di Prendere il Libro e di Aprirne i Sigilli, perché Sei Stato Immolato e Hai Riscattato per Dio, con il Tuo Sangue, uomini di ogni Tribù, Lingua, Popolo e Nazione, e Hai Fatto di loro, per il nostro Dio, un Regno e Sacerdoti, e Regneranno Sopra la Terra». Parola di Dio.

Dal Salmo 149

Hai Fatto di noi, per il nostro Dio, un Regno e Sacerdoti. Cantate al Signore un Canto Nuovo; la Sua Lode nell’Assemblea dei Fedeli. Gioisca Israele nel Suo Creatore, Esultino nel loro Re i Figli di Sion. Lodino il Suo Nome con Danze, con Tamburelli e Cetre Gli Cantino Inni. Il Signore Ama il Suo Popolo, Incorona i Poveri di Vittoria. Esultino i Fedeli nella Gloria, Facciano Festa sui loro giacigli. Le Lodi di Dio sulla loro bocca: Questo E’ un Onore per Tutti i Suoi Fedeli.

Dal Santo Vangelo di Gesù Cristo Secondo l’Apostolo Luca (Lc 19,41-44)

In Quel Tempo, Gesù, quando Fu Vicino a Gerusalemme, alla Vista della Città Pianse su di essa Dicendo: «Se avessi compreso anche tu, in Questo Giorno, Quello Che Porta alla Pace! Ma ora E’ Stato Nascosto ai tuoi occhi. Per te Verranno Giorni in cui i tuoi nemici ti Circonderanno di trincee, ti Assedieranno e ti Stringeranno da ogni parte; Distruggeranno te e i tuoi Figli dentro di te e non lasceranno in te Pietra su Pietra, perché non hai Riconosciuto il Tempo in Cui sei Stata Visitata». Parola del Signore.

Preghiera della Sera

Perdonami, o Dio, i peccati che Oggi ho potuto commettere. Desidero addormentarmi per questa Notte Riconciliato con Te, Che Sei la Bontà, l’Amore e la Verità. Benedicimi prima che mi prenda il sonno e Conservami questa Notte nella Tua Grazia. Amen.

Benedetto nei Secoli il Signore!

 

 

 

Come comportarsi in chiesa - Parrocchia di Bozzolo - Diocesi di ...

Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen