Il Santo Vangelo del Giorno giovedì del Signore 29 ottobre 2020 (2027) A.D. – Con l’Amore e la Devozione Dovuti a Colui Ch’È Tornato tra noi nel Nome del Padre!

 

 

 

 

 

Fox Design - 17 - Il soffio del drago (divisore) - Wattpad

 

 

LA DEVOZIONE ALLO SPIRITO SANTO

 

 

 

 

All’improvviso, comprenderai la Vera Essenza del Cristo e Quel Che ci han di Lui celato! Avrai vergogna anche per Ciò, poiché non hai Abbandonato il tuo Cuore mentre Egli Parlava della Verità – Che ci ostiniamo a non vedere e a non voler ancora udire.

 

 

 

Risultati immagini per pergamena dell'Atto di Dolore

 

 

Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen

 

 

 

 

Continuano a far Luce i “riflettori” del Papa negli angoli bui della manipolata storia della Terra, che ha dato anche modo alla scienza di insinuare tanti dubbi nell’Animo delle genti, minando la Fede nei Cuori.   La Verità – è Bene saperlo, E’ Scritta in Cielo … e non può albergar quaggiù, dove le nefandezze han preso il posto dell’Amore, dove la cupidigia ha sostituito la Carità.   Guardiamoci un po’ attorno, magari per capire dov’è che il demonio porterebbe il mondo, se l’Onnipotente non Avesse Previsto un Importante Freno, Determinando il Ripetersi di Quanto Accadde con l’Arrivo tra noi del Prescelto Gesù – Disceso dal Cosmo per il Compimento della Sua Missione Redentrice, Vincendo gli effetti del peccato originale.   Il Popolo dei Fratelli Maggiori in Roma Ha ora Modo di Esultar davvero, Mostrando il Contemporaneo Bel Frutto del Creato, Che dal Concesso Trono Ricondurrà Nuovamente i Figli tutti sulla Retta Via, in attesa dell’Ultimo e Solenne Giudizio di Dio Padre, per la Glorificazione del Grande Miracolo Che Fu la Creazione.  Benedetto nei Secoli il Signore.

 

 

 

 

Immagine correlata

 

  

  

Preghiera allo Spirito Santo Paraclito

 

 

 

O Santo Spirito Paraclito, Perfeziona in noi l’Opera Iniziata da Gesù; Rendi Forte e Continua la Preghiera Che facciamo in nome del mondo intero; Accelera per ciascuno di noi i Tempi di una Profonda Vita Interiore; Da’ Slancio al nostro Apostolato, Che Vuol Raggiungere tutti gli uomini e tutti i popoli, tutti Redenti dal Sangue di Cristo e tutti Sua Eredità.   Mortifica in noi la naturale presunzione, e Sollevaci nelle regioni della Santa Umiltà, del Vero Timor di Dio, del Generoso Coraggio.   Che nessun legame terreno ci impedisca di far Onore alla nostra Vocazione; nessun interesse, per ignavia nostra, mortifichi le Esigenze della Giustizia; nessun calcolo riduca gli Spazi Immensi della Carità dentro le angustie di piccoli egoismi.   Tutto sia grande in noi: la Ricerca e il Culto della Verità, la Prontezza al Sacrificio fino alla Croce e alla Morte; e tutto, infine, Corrisponda alla Estrema Preghiera del Figlio al Padre Celeste; e a Quella Effusione Che di Te, o Santo Spirito d’ Amore, il Padre e il Figlio Vollero sulla Chiesa e sulle Istituzioni, sulle singole Anime e sui Popoli.   Amen!

Giovanni XXIII° – da “l’Omelia di Pentecoste 1962 – rivista Papa Giovanni – Sacerdoti del Sacro Cuore – Collegio Missionario Andria (BA)”.

 

 

 

Risultati immagini per chiara luce badano immagini

 

 

 

I Testimoni della Fede

Chiara Luce Badano, Giovane Focolarina

 

(Savona, 29 ottobre 1971 – Sassello, Savona, 7 ottobre 1990)

 

 

 

Visse a Sassello con il padre Ruggero, camionista, e la madre Maria Teresa, casalinga.

Volitiva, Tenace, Altruista, di lineamenti fini, snella, grandi occhi limpidi, sorriso aperto, Ama la Neve e il Mare, pratica molti sport. Ha un debole per le persone anziane che copre di attenzioni.

A nove anni conosce i ‘Focolarini’ di Chiara Lubich ed entra a fare parte dei ‘Gen’.

Dai suoi quaderni traspare la Gioia e lo Stupore nello scoprire la Vita. Terminate le medie a Sassello si trasferisce a Savona dove frequenta il liceo classico. A sedici anni, durante una partita a tennis, avverte i primi lancinanti dolori ad una spalla: callo osseo la prima diagnosi, osteosarcoma dopo analisi più approfondite. Inutili interventi alla spina dorsale, chemioterapia, spasmi, paralisi alle gambe. Rifiuta la morfina che le toglierebbe lucidità. Si informa di tutto, non perde mai il suo abituale sorriso. Alcuni medici, non praticanti, si Riavvicinano a Dio. La sua cameretta, in ospedale prima e a casa poi, diventa una piccola Chiesa, luogo di incontro e di Apostolato: “L’importante è Fare la Volontà di Dio…E’ Stare al Suo Gioco…Un Altro Mondo mi Attende…Mi sento Avvolta in uno Splendido Disegno che, a poco a poco, mi Si Svela…Mi piaceva tanto andare in bicicletta e Dio mi Ha Tolto le Gambe, ma mi Ha Dato le Ali…”.

Chiara Lubich, che la seguirà da vicino, durante tutta la malattia, in un’affettuosa lettera le pone il soprannome di ‘Luce’. Mons. Livio Maritano, Vescovo Diocesano, così la ricorda: “…Si sentiva in lei la Presenza dello Spirito Santo, Che la Rendeva Capace di Imprimere nelle persone che l’avvicinavano il suo Modo di Amare Dio e gli uomini. Ha Regalato a tutti noi un’Esperienza Religiosa molto Rara ed Eccezionale”.

Negli ultimi giorni, Chiara non riesce quasi più a parlare, ma vuole prepararsi all’Incontro con “lo Sposo” e si sceglie l’Abito Bianco, molto semplice, con una fascia rosa. Lo fa indossare alla sua migliore Amica per vedere come le starà. Spiega anche alla Mamma come dovrà essere pettinata e con quali Fiori dovrà essere addobbata la Chiesa; suggerisce i Canti e le Letture della Messa. Vuole che il Rito sia una Festa. Le ultime sue parole: “Mamma sii Felice, perché io Lo Sono. Ciao!”. Muore all’alba del 7 ottobre 1990. E’ “Venerabile” dal 3 luglio 2008. E’ Stata Beatificata il 25 settembre 2010 presso il Santuario del Divino Amore in Roma.

Fonti: www.chiaralucebadano.it – www.santiebeati.it

 

 

 

La cena del Signore GIF - Scarica & Condividi su PHONEKY

 

 

 

Cristo di Dio, Benedici tutto il Cibo Che ci apprestiamo a consumare quotidianamente, affinché Porti Frutto Salvifico ai Corpi e alle Anime delle Creature a Te Fedeli! Amen.

 

 

 

118598772_0_be4eb_57427c47_XL

 

 

 

 

Preghiera del Mattino

Solo colui Che Percorre il Cammino dell’Amore Che Tu Ci Hai Indicato può Trovare la Via. Fa’, o Signore, Che siamo Attenti a Rispettare tutti gli uomini. Non sono le Leggi in se stesse Che danno Valore all’uomo. L’uomo Lo Porta dentro di sé. La Filiazione Divina Supera qualsiasi legge. Accordaci, in Questo Giorno, la Grazia di non lasciarci Sottomettere alle leggi Che Privano della Dignità umana. Concedici la Forza di Vivere nella Speranza Che Ci Assicura Tuo Figlio Gesù Cristo e di Costruire così l’Umanità Nuova Che Ci Ha Promesso. Amen. 

Dalla Lettera di San Paolo Apostolo agli Efesìni (Ef 6, 10-20)

Fratelli, Rafforzatevi nel Signore e nel Vigore della Sua Potenza.  Indossate l’Armatura di Dio, per poter Resistere alle insidie del diavolo. La nostra Battaglia infatti non E’ contro la carne e il Sangue, ma contro i principati e le potenze, contro i dominatori di questo mondo tenebroso, contro gli spiriti del male che abitano nelle Regioni Celesti.  Prendete dunque l’Armatura di Dio, perché possiate Resistere nel giorno cattivo e restare Saldi dopo Aver Superato Tutte le Prove. State Saldi, dunque: Attorno ai Fianchi, la Verità; Indosso, la Corazza della Giustizia; i Piedi, Calzati e Pronti a Propagare il Vangelo della Pace. Afferrate Sempre lo Scudo della Fede, con il Quale potrete Spegnere tutte le frecce infuocate del Maligno; prendete anche l’Elmo della Salvezza e la Spada dello Spirito, Che E’ la Parola di Dio.   In Ogni Occasione, Pregate con Ogni Sorta di Preghiere e di Suppliche nello Spirito, e a Questo Scopo Vegliate con Ogni Perseveranza e Supplica per Tutti i Santi. E Pregate anche per me, affinché, quando apro la bocca, mi Sia Data la Parola, per Far Conoscere con Franchezza il Mistero del Vangelo, per il Quale sono Ambasciatore in catene, e affinché io possa AnnunciarLo con Quel Coraggio con il Quale Devo Parlare.  Parola di Dio.

Dal Salmo 143

Benedetto il Signore, Mia Roccia, Che Addestra le Mie Mani alla Guerra, le Mie Dita alla Battaglia.  Mio Alleato e Mia Fortezza, Mio Rifugio e Mio Liberatore, Mio Scudo in Cui Confido, Colui Che Sottomette i Popoli al Mio Giogo.  O Dio, Ti Canterò un Canto Nuovo, Inneggerò a Te con l’Arpa a dieci corde, a Te, Che Dai Vittoria ai Re, Che Scampi Davide, Tuo Servo, dalla spada iniqua.

Dal Santo Vangelo di Gesù Cristo Secondo l’Apostolo Luca (Lc 13, 31-35)

In quel momento si avvicinarono a Gesù alcuni farisei a dirGli: “Parti e Vattene via di qui, perché Erode Ti vuole uccidere”.  Egli Rispose loro: “Andate a dire a quella volpe: “Ecco, Io Scaccio demòni e Compio Guarigioni Oggi e Domani; e il terzo Giorno la Mia Opera E’ Compiuta. Però E’ Necessario Che Oggi, Domani e il Giorno Seguente Io Prosegua nel Cammino, perché non E’ Possibile Che un Profeta Muoia fuori di Gerusalemme”.  Gerusalemme, Gerusalemme, tu che uccidi i Profeti e lapidi Quelli Che Sono Stati Mandati a Te: Quante Volte Ho Voluto Raccogliere i tuoi Figli, Come una Chioccia i Suoi Pulcini sotto le Ali, e voi non avete voluto! Ecco, la vostra casa è abbandonata a voi! Vi Dico infatti Che non Mi Vedrete, finché Verrà il Tempo in Cui direte: “Benedetto Colui Che Viene nel Nome del Signore!””.   Parola del Signore.

Preghiera della Sera

Durante Questa Giornata abbiamo Vissuto con le molte persone che abbiamo Incontrato. Noi Ti Rendiamo Grazie, Signore, per Questi Incontri, per le Conversazioni e i Dialoghi Che abbiamo Avuto e per l’Aiuto Che abbiamo Dato alle persone più povere e abbandonate. Concedici la Luce Che ci Renda Capaci di Trasmettere la Tua Parola Attraverso Gesti di Rispetto e di Attenzione a tutti, senza Distinzione. Fa’ Che Viviamo Sempre più lo Spirito del Vangelo, e che Formiamo una Famiglia umana nella Quale tutti Sentiamo la Tua Presenza. Amen.

Benedetto nei Secoli il Signore!

 

 

Come comportarsi in chiesa - Parrocchia di Bozzolo - Diocesi di ...

Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen

 

 

Fox Design - 17 - Il soffio del drago (divisore) - Wattpad