Messaggio di Gesù (a Giovanni, 27 settembre 2020).

 

 

 

 

“Figli Miei, Creature del Cielo cadute sulla Terra, non Abbandonate la Via della Salvezza e Restate Accanto al Mio Cuore, perché Sono Previsti Tempi tristi per i quattro angoli del mondo! Quel che avete conosciuto non lo rivedrete nella medesima e umana condizione, ma lo stravolgimento muterà persino il ricordo, tanto repentino e violento al punto da farvi dubitare della stessa vostra Esistenza! Infatti, come spesso avete la sensazione d’esser già stati in un luogo, così resterete smarriti nell’osservare i vostri stessi passi, poco prima impressi e non riconducibili poi cognitivamente al cammino intrapreso.  Rispettatevi e Amatevi Puramente gli uni gli altri, siate Umili e non commettete l’errore di ritenervi giunti chissà dove, poiché la Vita, che nemmeno vi appartiene, È Appesa ad un Filo Impercettibile, Che Parte dalle Pendici del Regno Celeste per Giungere al Pianeta Che occupate, passando per la dannazione e per l’inferno.  Si, Miei Cari, la Storia È Stata Narrata, ma non nella Sua Versione Integrale e Veritiera, perché i vostri antenati ben si guardarono dal Riportare Fedelmente Quanto Lasciai Scritto, temendo poteste un Giorno Comprendere appieno e diventare dunque Sapienti, al Pari dei Più Stretti Miei Discepoli.  Non abbiate timore di Elevare i Cuori, abbandonate il putridume in cui vi hanno cacciato la menzogna, il giudizio e la mancanza di Carità, e Volate Verso di Me, al Riparo dalle insidie dell’autore d’ogni male, e Comprenderete il Mistero della Creazione, Uscendo Finalmente dall’oscurità dell’incertezza, pur Consapevoli Che – alla Fine, Passerete comunque Innanzi a Me, nonostante tutto!” (Gesù).