Il Santo Vangelo del Giorno giovedì del Signore 25 giugno 2020 (2027) A.D. – Con l’Amore e la Devozione Dovuti a Colui Ch’È Tornato tra noi nel Nome del Padre!

 

 

 

 

 

 

Visualizza immagine di origine

Mai Dimenticando Che “Il Potere di Cristo Espelle l’originaria causa di ogni male”, per Intercessione del Cuore Immacolato di Maria, il Santo Vangelo del Giorno E’ Permanentemente Dedicato all’Amore e alla Divina Misericordia di Gesù Salvatore, affinché Conceda il Suo Perdono alle Anime Sante Abbandonate in Purgatorio e ai Defunti di Tutti i Tempi, Privati della Diffusa e Salvifica Preghiera di noi distratti Figli di quaggiù.  Per Grazia Ricevuta.

 

 

 

 

 

 

 

 

All’improvviso, capirai la Vera Essenza del Cristo e Quel Che ci han di Lui celato! Avrai vergogna anche per Ciò, poiché non hai Abbandonato il tuo Cuore mentre Egli Parlava della Verità – Che ci ostiniamo a non vedere e a non voler ancora udire.

 

 

 

 

A.N.A.Di.M.I. Onlus (@anadimionlus) | Twitter

 

 

 

 

Più numerosi dei Capelli del Mio Capo sono coloro che Mi odiano senza ragione.   Sono potenti i nemici che Mi calunniano: quanto non Ho Rubato lo Dovrei Restituire? Per Te Io Sopporto l’insulto e la vergogna Mi copre la Faccia; Sono un Estraneo per i Miei Fratelli, un Forestiero per i Figli di Mia Madre.  Poiché Mi Divora lo Zelo per la Tua Casa, ricadono Su di Me gli oltraggi di chi Ti insulta.   Ma Io Innalzo a Te la Mia Preghiera, Signore, nel Tempo della Benevolenza; per la Grandezza della Tua Bontà, RispondiMi, per la Fedeltà della Tua Salvezza, o Dio”. (Sal 69(68),5.8-10.14.)

 

 

 

Risultati immagini per pergamena dell'Atto di Dolore

 

 

 

 Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen 

 

 

 

 

Quando incontriamo l’errore sulla nostra Via non giudichiamo, ma Perdoniamo e Sosteniamo chiunque, poiché siamo tutti fragili Creature, e la causa d’ogni male ha un solo nome. Non sempre siamo pronti a Ciò, ma E’ l’Umiltà a Far la Differenza e a Distinguer l’Uomo Attento, proprio a Identificarlo Quale Figlio e Fratello nel Signore. Lasciamo da parte le cose meno belle, orientando i nostri sguardi alla Luce Che Emana il Cuore Misericordioso del Maestro! Mai Amor più Grande, infatti, potrà Osservarsi quaggiù, ove tutto ormai poco risplende, non fosse altro per quanto incombe su questo povero e confuso mondo, ormai pregno dei 7 vizi capitali. Inginocchiati al Cospetto dello Spirito del Signore, Imploriamo Misericordia a Colui Che E’ l’Inesauribile  Fonte della Vita, affinché Voglia Inviarci il Figliolo Prediletto, Che Avrà Cura di noi Servi Suoi. Sia Lodato Gesù Cristo.

 

 

 

 

L'AMORE FA GIRARE IL MONDO: Dio Padre Onnipotente

 

 

 

 

Messaggio di Dio Padre

(a Lec delle Filippine – 21 maggio 2010)

 

 

 

 

“Figlio, scrivi per Me.  Voglio Risvegliare le Anime assopite, Che a questo punto Si Sono già Stancate di Attendere il Compimento delle Mie Promesse di Gloria. Una Terra Nuova Attende i Miei Figli Fedeli, e per Essere Certo che costoro che Vivranno nella Nuova Era Sopravviveranno al Periodo Peggiore dell’Esistenza dell’Umanità, Io Ripeto la Mia Promessa… Io li Solleverò dalla Terra e li Porterò in Luogo Sicuro; essi Vi attenderanno il loro ritorno Verso un Nuovo Paradiso Terrestre, Dove Vivranno a lungo la loro Vita nella Pace e nell’Armonia, con tutti i loro simili, e con tutte le Creature Viventi a cui Io Permetterò di Coesistere con i Miei Amatissimi Figli.    Allora Si Realizzeranno per i Miei Fedeli Servitori le Parole di Mio Figlio Gesù, Pronunciate nelle Parabole.   A coloro che sono restati Onesti, Fedeli e sempre Vigilanti – Attendendo la Venuta del loro Maestro, e che hanno usato Bene i Talenti Affidati loro, Saranno Donate città da Governare, Secondo le singole Capacità. Il vostro Tempo di Brillare Verrà, Figli Miei, voi sarete i Nuovi Ereditieri del Reame del Cielo sulla Terra”.

 

 

 

 

7 Peccati Capitali Elenco significato descrizione dei vizi ...

 

 

 

 

I 7 vizi capitali

 

  

 

 

accidia: (torpore malinconico, inerzia nel vivere e nel compiere opere di bene, pigrizia, indolenza, infingardaggine, svogliatezza, abulia).

avarizia: più precisamente l’etimologia latina “avaritia”, anziché l’avarizia nella sua accezione moderna; (cupidigia, avidità, costante senso di insoddisfazione per ciò che si ha già e bisogno sfrenato di ottenere sempre di più);

gola: (meglio conosciuta come ingordigia, abbandono ed esagerazione nei piaceri della tavola, perdita totale del senso della misura e quindi della capacità di provare piacere reale per ciò che si sta gustando);

invidia: (tristezza per il bene altrui percepito come male proprio); 

ira: (alterazione dello stato emotivo, che manifesta in modo violento un’avversione profonda e vendicativa verso qualcosa o qualcuno);

lussuria: (incontrollata sensualità, irrefrenabile desiderio del piacere sessuale fine a sé stesso, concupiscenza, carnalità, eccessivo attaccamento ai beni terreni ed eccessiva renitenza nel separarsi da essi);

Superbia: (radicata convinzione della propria superiorità, reale o presunta, che si traduce in atteggiamento di altezzoso distacco o anche di ostentato disprezzo verso gli altri, e di disprezzo di norme, leggi, rispetto altrui);

 

 

 

 

Risultati immagini per GIF animate del Preziosissimo Sangue di Gesù

 

 

 

Preghiera per la Benedizione del Cibo
(ormai totalmente contaminato)

Gesù, Intridi del Tuo Preziosissimo Sangue il Cibo Che stiamo per mangiare, affinché Assumiamo con Esso la Grazia e la Benedizione! Amen.

 

 

 

Benediciamo il Santo Nome del Signore, mentre Preghiamo insieme per:

 

 

La Santissima Trinità Divina – nel Padre, nel Figlio e nello Spirito Santo Consolatore, la Creazione – Opera Straordinaria dell’Onnipotente, Il Santo Natale del Cristo di Dio e il Suo Preziosissimo Sangue, il Sangue dei Martiri, i Santuari della Beata Vergine Maria nel mondo, il Santuario della Vergine della Rivelazione in Roma, il Ricordo della Madonna dell’Arco, Santa Maria Maddalena, Giovanni il Battista – Precursore del Cammino del Cristo di Dio, San Giuseppe – coi Santi e gli Angeli del Paradiso, le Anime Sante abbandonate in Purgatorio e per i Defunti di tutti i Tempi, i Profeti e i Veggenti, i Perseguitati a Causa della Testimonianza Cristica, Papa Francesco, il Rabbino Capo di Roma e tutti i Riconosciuti Giusti, i Sacerdoti e i Professanti la Fede in Dio Padre Onnipotente, i Movimenti Eucaristici e Mariani, i Gruppi di Preghiera, gli Ammalati nel Corpo e nello Spirito, i Carcerati, gli atei, gli ipocriti e i sapienti della Terra, i Bimbi Deceduti prima del Santo Battesimo, i Giovani e tutti Coloro che non credono nella Divina Misericordia di Gesù Cristo – Figlio Prediletto dell’Altissimo, Signore nostro, Sacerdote Infallibile e Salvatore del mondo intero.

 

 

 

 

Immagine correlata

 

 

 

 

Festa del Padre Onnipotente, del  Figlio Prediletto Gesù e
dello Spirito Santo, delle Donne Care alla Trinità Divina, degli Arcangeli,
degli Angeli e dei Santi del Paradiso, nonché delle Anime ancora in Purgatorio

 

 

 

 

118598772_0_be4eb_57427c47_XL

 

 

 

 

Preghiera del Mattino

Oggi Tu ci Insegni Che la Fede senza le Opere E’ Vana, Che la Pietà Che non Si Apre all’Azione è falsa, assomiglia alla Sabbia mobile, sulla Quale è impossibile Costruire una Strada. Le persone di Grande Spirito sono instancabilmente Attive per il Regno, anche se chiuse in un Carmelo, e le persone più Attive sono soprattutto gli uomini di Preghiera che, Come San Vincenzo de Paoli, Cominciano la loro Giornata con molte Ore di Orazione.

Dal Secondo Libro dei Re (2 Re 24,8-17)

Quando Divenne Re, Ioiachìn aveva diciotto anni; Regnò tre Mesi a Gerusalemme. Sua madre era di Gerusalemme e si chiamava Necustà, figlia di Elnatàn. Fece ciò che è male agli Occhi del Signore, come aveva fatto suo padre. In quel Tempo gli ufficiali di Nabucodònosor, re di Babilonia, salirono a Gerusalemme e la Città fu assediata. Nabucodònosor, re di Babilonia, giunse presso la Città mentre i suoi ufficiali l’assediavano. Ioiachìn, re di Giuda, uscì incontro al re di Babilonia, con sua madre, i suoi ministri, i suoi comandanti e i suoi cortigiani; il re di Babilonia lo fece prigioniero nell’anno ottavo del suo regno. Asportò di là tutti i Tesori del Tempio del Signore e i tesori della reggia; fece a pezzi tutti gli Oggetti d’Oro che Salomone, re d’Israele, aveva fatto nel Tempio del Signore, Come Aveva Detto il Signore. Deportò tutta Gerusalemme, cioè tutti i comandanti, tutti i combattenti, in numero di diecimila esuli, tutti i falegnami e i fabbri; non rimase che la gente povera della Terra. Deportò a Babilonia Ioiachìn; inoltre portò in esilio da Gerusalemme a Babilonia la madre del re, le mogli del re, i suoi cortigiani e i nobili del paese. Inoltre tutti gli uomini di valore, in numero di settemila, i falegnami e i fabbri, in numero di mille, e tutti gli uomini validi alla guerra, il re di Babilonia li condusse in esilio a Babilonia. Il re di Babilonia nominò re, al posto di Ioiachìn, Mattania suo zio, cambiandogli il nome in Sedecìa.  Parola di Dio.

Dal Salmo 78

Salvaci, Signore, per la Gloria del Tuo Nome. O Dio, nella Tua Eredità sono entrate le genti: hanno profanato il Tuo Santo Tempio, hanno ridotto Gerusalemme in macerie. Hanno abbandonato i cadaveri dei Tuoi Servi in pasto agli Uccelli del Cielo, la carne dei Tuoi Fedeli agli Animali Selvatici. Hanno versato il loro sangue Come Acqua intorno a Gerusalemme e nessuno seppelliva. Siamo divenuti il disprezzo dei nostri vicini, lo scherno e la derisione di chi ci sta intorno. Fino a quando Sarai Adirato, Signore: per Sempre? Arderà Come Fuoco la Tua Gelosia? Non Imputare a noi le colpe dei nostri antenati: presto ci Venga Incontro la Tua Misericordia, perché siamo così poveri! Aiutaci, o Dio, nostra Salvezza, per la Gloria del Tuo Nome; Liberaci e Perdona i nostri peccati a Motivo del Tuo Nome. 

Dal Santo Vangelo di Gesù Secondo l’Apostolo Matteo ( Mt 7,21.29)

In Quel Tempo, Gesù Disse ai Suoi Discepoli: «Non chiunque Mi dice: “Signore, Signore”, Entrerà nel Regno dei Cieli, ma Colui Che Fa la Volontà del Padre Mio Che E’ nei Cieli. In Quel Giorno, molti Mi diranno: “Signore, Signore, non abbiamo forse Profetato nel Tuo Nome? E nel Tuo Nome non abbiamo forse scacciato demoni? E nel Tuo Nome non abbiamo forse Compiuto molti Prodigi”?  Ma allora Io Dichiarerò loro:”Non vi Ho mai conosciuti. Allontanatevi da Me, voi che operate l’iniquità!” Perciò, chiunque ascolta Queste Mie Parole e Le mette in Pratica, Sarà Simile a un Uomo Saggio, Che Ha Costruito la Sua Casa sulla Roccia. Cadde la Pioggia, Strariparono i Fiumi, Soffiarono i Venti e Si Abbatterono su Quella Casa, ma Essa non Cadde, perché Era Fondata sulla Roccia.  Chiunque Ascolta Queste Mie Parole e non Le mette in Pratica, sarà simile a un uomo stolto, che ha costruito la sua casa sulla sabbia. Cadde la Pioggia, Strariparono i Fiumi, Soffiarono i Venti e Si Abbatterono su quella casa, ed essa cadde e la sua rovina fu grande». Quando Gesù Ebbe Terminato Questi Discorsi, le folle erano stupite del Suo Insegnamento: Egli infatti Insegnava loro Come Uno Che Ha Autorità, e non come i loro scribi. Parola del Signore.

Preghiera della Sera

Come si Possono Fare Miracoli e cacciare i demoni nel Tuo Nome, Signore, e nello stesso tempo non essere Conosciuti da Te? I Tuoi Doni sono senza ripensamento, i Tuoi Doni Collaborano all’Edificazione del corpo di coloro che ne sono i Dispensatori. Custodiscici lontani dal peccato commesso dai Cristiani di Corinto, che consideravano i Tuoi Doni come un fine in sé; Concedici, in Questo Tempo della civiltà dei consumi, una Vita Mistica, una Vita di Unione a Te Che Sia Sovrabbondante nella Pratica della Carità. Amen. 

Benedetto nei Secoli il Signore!

 

 

 

 

Come comportarsi in chiesa - Parrocchia di Bozzolo - Diocesi di ...

 

 

 

 

 

Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo:

 

 

 

 

 

Risultato immagini per GIF ANIMATE AMEN