Il Santo Vangelo del Giorno Venerdì del Signore 29 maggio 2020 (2027) A.D. – Con l’Amore e la Devozione Dovuti a Colui Ch’È Tornato tra noi nel Nome del Padre!

 

 

 

 

Visualizza immagine di origine

 

 

 

Mai Dimenticando Che “Il Potere di Cristo Espelle l’originaria causa di ogni male”, per Intercessione del Cuore Immacolato di Maria, Dedicheremo il Santo Vangelo del Giorno all’Amore e alla Divina Misericordia di Gesù Salvatore, affinché Conceda il Suo Perdono alle Anime Sante Abbandonate in Purgatorio e ai Defunti di Tutti i Tempi, Privati della Diffusa e Salvifica Preghiera di noi distratti Figli di quaggiù.  Per Grazia Ricevuta.

 

 

 

 

Christus vincit! Christus regnat! Christus imperat!

 

 

 

 

All’improvviso, capirai la Vera Essenza del Cristo e Quel Che ci han di Lui celato! Avrai vergogna anche per Ciò, poiché non hai Abbandonato il tuo Cuore mentre Egli Parlava della Verità – Che ci ostiniamo a non vedere e a non voler ancora udire.

 

 

 

 

A.N.A.Di.M.I. Onlus (@anadimionlus) | Twitter

 

 

 

 

Popolo di Dio, Che Ami con Cuore Puro il tuo Creatore, Proclama al mondo Che il Figlio Prediletto E’ Nuovamente quaggiù, sulla Terra, tra noi, e Avrai Salva la Vita!   

 

 

 

 

Risultati immagini per pergamena dell'Atto di Dolore

 

 

 

 

 Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen 

 

 

 

 

Fratelli e Sorelle, leggendo il Santo Vangelo del Venerdì, la nostra Attenzione E’ Sollecitata a porsi la domanda di Quando il Giusto Chiederà Conto d’ogni singolo Operato; in Relazione a Ciò, cosa mai potrem rispondere a Cotanta Autorità? Che abbiam mangiato, poi dormito e pur danzato, senza mai davvero Applicarci alla Strada Casta e ormai Serena, Che Conduce alla Vita, Quella Vera!  Certo, non siam poco distratti ed egoisti, ma forse più incoscienti ad affrontar con tale leggerezza un Sì Grande e Vero Rischio! I Cuori Attenti – però, Sanno di Che Pasta E’ il Pio Signore, poiché non Possono Scordar le Sue Carezze.  Chi altri potrà mai Consolarci con Tale Assidua Fedeltà? Alcuno riuscirà in Quest’Azione con Successo, perché il Padre E’ Con il Figlio e Con lo Spirito Santo, e la Messe di Misericordia Abbondantemente quaggiù Distribuiranno.  Per passare una Lieta Giornata in Pace e Serenità, Rendendo anche Omaggio alla Beata Vergine Maria, proviamo a ben interiorizzare Questa Frase del Cristo, Foriera di Profondi Spunti Riflessivi: “AscoltateMi tutti e intendete Bene: non v’è nulla fuori dell’uomo che – entrando in lui, possa contaminarlo; sono invece le cose che escono dall’uomo a contaminarlo!”. Un Fraterno Abbraccio in Cristo.

 

 

 

 

 

 Immagine incorporata

 

 

 

 

L’Amore in Famiglia

 

 

 

Amare ed essere Amati E’ il Desiderio principale e più profondo di ogni uomo. Non è necessario parlare di quanto l’Amore e l’Accettazione siano importanti nella scuola di Vi­ta della Famiglia. La mancanza di Amore e di Accettazione in Famiglia lascia ferite profonde. Tutti sanno che fin dal suo Concepimento il Bambino sente e sa se è accettato con Amore o meno. La prassi terapeutica ha messo in evidenza che profonde paure, spesso generate prima della Nascita, possono accompagnare per tutta la Vita quelle persone il cui padre e la cui madre volevano uccidere il Bambino.

Perciò il Messaggio del 13 dicembre 1984 E’ molto chiaro. Bisogna innanzi tutto iniziare ad Amare in famiglia e poi si può parlare di Amore nella Comunità Parrocchiale e verso tutte le altre persone. Con Questo Messaggio Maria Ha Inteso preparare la Comunità Parrocchiale ad accogliere i Pellegrini: “… poi potrete Amare ed accogliere coloro che vengono qui” (13 dicembre 1984).

Molto Concretamente da un Punto di Vista Materno, Maria Cerca, nello Stesso Messaggio, di considerare la settimana in cui aveva dato il Messaggio come un Momento Speciale nel quale imparare ad Amare. Si tratta della setti­mana immediatamente prima del Natale, una Festa di Vita ed Amore. L’esercizio dell’Amore inizia proprio quando l’uomo sceglie di Amare in Famiglia. Nello stesso Messag­gio Maria Ripete il Pensiero di San Paolo, Secondo il Quale senza Amore non si ottiene nulla. L’Amore Stravolge tutte le leggi e le Completa, ma le leggi non possono cambiare l’Amore. Senza l’Amore nulla ha valore, mentre l’Amore Dona ad ogni cosa un Valore Eterno (cfr. 1 Cor 13,1-13).

Prima del quarto anniversario, il 6 giugno 1985, Maria Rinnova il Suo Invito ad iniziare ad Amare in Famiglia per poi iniziare ad Amare tutti quelli che verranno. Da un punto di vista cronologico, si può dire che Medjugorje tra la fine del 1984 e l’inizio del 1985 Sia Divenuta un Santuario internazionale. Le circostanze in cui si sono verificati gli Avvenimenti di Medjugorje, vedono da un lato le pressioni ed i tentativi dei comunisti di stroncare tutto, e dall’altro proprio in quel periodo l’Ordinariato Diocesano di Mostar compie un passo indietro rispetto alle azioni aggressive contro Medjugorje. Il Vescovo dell’epoca, Monsignor Pavao Zanic, alla fine di ottobre 1984 pubblicò un opuscolo semi-ufficiale su Medjugorje. In alcuni momenti sembrò che le forze contrarie mondiali ed Ecclesiastiche potessero soffocare gli avvenimenti di Medjugorje. Ma si vide Che Maria Era alla Guida di Tutto Questo, Che non Si Preoccupava degli attacchi e non Ne Parlava neppure, ma Ammoniva ed Educava la Comunità Parrocchiale all’Amore Che tutto Vince.

Nel Natale 1991, con l’infuriare della guerra in Croazia ed i primi segnali di guerra in Bosnia ed Erzegovina, Maria ancora una volta Invitò all’Amore ed alla Pace. L’Amore E’ Grazia e bisogna Pregare per raggiungerLa; allora Arriverà Gesù Che tutto Benedice con la Pace e l’Amore. Nel Suo Messaggio dell’aprile 1993 Maria Utilizza l’Immagine della Natura – Che in Primavera Si Risveglia, ed Invita tutti ad aprirsi all’Amore, come anche la Natura Si Sveglia e Si Apre a Dio il Creatore. Un Cuore Che Si Apre all’Amore, proprio come Fa la Natura, Dimostrerà prima il proprio Amore in Famiglia. L’Amore Salverà la Famiglia dall’inquietudine e dall’odio, riportando al Suo Interno uno Spirito di Preghiera. Per Mezzo della Preghiera, Dio ci Darà la Forza per Amarci a vicenda. Maria Sa quanto sia importante che noi accettiamo Questo Invito all’Amore e che siamo attivi nel risvegliarLo e per Questo Motivo ci Ripete che Ella Ama tutti col Suo Amore Materno. L’Amore Materno E’ la Condizione Fondamentale per la Vita in generale. Si Tratta di un Amore Particolarmente Attivo ed E’ il Presupposto per la Nascita ad una Nuova Vita. Senza Questo Tipo di Amore la Vita non può neppure iniziare né Esistere. La Consapevolezza dell’Amore di Dio, Che ci Rigenera a Vita Nuova, e dell’Amore Materno di Maria Sono ancora una volta il Presupposto affinché ogni uomo scelga l’Amore ed ogni Amore ferito Sia Guarito. Dio ci Si E’ Rivelato in Gesù Cristo come Amore Infinito Che ci Accoglie tutti incondizionatamente, e Che E’ alla base di ogni altro tipo di Amore, soprattutto Quello all’interno della Famiglia, perché Dio Si E’ Manifestato Come nostro Padre.

 

 

 

 

 

 

L’Amore E’ il Presupposto della Pace nella Famiglia

(Fra’ Slavko Barbaric – Edito da Informativni centar “MIR” Medjugorje)

 

 

 

Chi non ha Amore non può sperimentare la Pace, ci Insegna Maria nel Suo Messaggio del 25 gennaio 1996, Ove la Vergine Parla del Legame tra amore e Perdono. Noi siamo uomini deboli, commettiamo peccato e peccando minacciamo l’Amore. Per chi non Per­dona, l’Amore Ha Poco Slancio ed E’ Condizionato da molti fattori. Ancora una volta, solo chi Ama può Perdonare. Ci rimane soltanto la Preghiera per Poter Accogliere e Comprendere col Cuore l’Invito all’Amore ed al Perdono.  “Pregate insieme con Cuore Gioioso”.

 

 

 

Risultati immagini per GIF animate del Preziosissimo Sangue di Gesù

 

 

 

Preghiera per la Benedizione del Cibo
(ormai totalmente contaminato)

Gesù, Intridi del Tuo Preziosissimo Sangue il Cibo Che stiamo per mangiare, affinché Assumiamo con Esso la Grazia e la Benedizione! Amen.

 

 

 

 

Benediciamo il Santo Nome del Signore, mentre Preghiamo insieme per:

 

 

La Santissima Trinità Divina – nel Padre, nel Figlio e nello Spirito Santo Consolatore, la Creazione – Opera Straordinaria dell’Onnipotente, Il Santo Natale del Cristo di Dio e il Suo Preziosissimo Sangue, il Sangue dei Martiri, i Santuari della Beata Vergine Maria nel mondo, il Santuario della Vergine della Rivelazione in Roma, il Ricordo della Madonna dell’Arco, Santa Maria Maddalena, Giovanni il Battista – Precursore del Cammino del Cristo di Dio, San Giuseppe – coi Santi e gli Angeli del Paradiso, le Anime Sante abbandonate in Purgatorio e per i Defunti di tutti i Tempi, i Profeti e i Veggenti, i Perseguitati a Causa della Testimonianza Cristica, Papa Francesco, il Rabbino Capo di Roma e tutti i Riconosciuti Giusti, i Sacerdoti e i Professanti la Fede in Dio Padre Onnipotente, i Movimenti Eucaristici e Mariani, i Gruppi di Preghiera, gli Ammalati nel Corpo e nello Spirito, i Carcerati, gli atei, gli ipocriti e i sapienti della Terra, i Bimbi Deceduti prima del Santo Battesimo, i Giovani e tutti Coloro che non credono nella Divina Misericordia di Gesù Cristo – Figlio Prediletto dell’Altissimo, Signore nostro, Sacerdote Infallibile e Salvatore del mondo intero.

 

 

 

 

 

Immagine correlata

 

 

 

Festa del Padre Onnipotente, del  Figlio Prediletto Gesù e
dello Spirito Santo, delle Donne Care alla Trinità Divina, degli Arcangeli,
degli Angeli e dei Santi del Paradiso, nonché delle Anime ancora in Purgatorio

 

 

 

118598772_0_be4eb_57427c47_XL

 

 

 

 

Preghiera del Mattino

Signore, All’inizio di Questo Giorno sono qui, di Fronte a Te. Tu Sei la Luce del Mondo: Illumina il mio Cammino! Chi Ti Segue non Cammina nelle tenebre. Liberami, Signore, dalle tenebre della mia Vita. Dall’orgoglio Che mi fa Puntare Solo sulle mie Forze. Dall’egoismo Che mi fa Guardare Solo a me stesso. Dalla Paura di Essere Solo, Incompreso, Escluso. Intravedo la Tua Luce, Che Segna la Strada da Percorrere. Eccomi Signore! Amen.

Dagli Atti degli Apostoli (At 25,13-21)

In Quei Giorni, arrivarono a Cesarèa il re Agrippa e Berenìce e vennero a Salutare Festo. E poiché si trattennero parecchi Giorni, Festo Espose al re le accuse contro Paolo, dicendo: «C’è un uomo, Lasciato qui Prigioniero da Felice, contro il quale, durante la mia Visita a Gerusalemme, si Presentarono i capi dei Sacerdoti e gli anziani dei Giudei per chiederne la condanna. Risposi loro che i Romani non Usano Consegnare una persona, Prima Che l’accusato sia Messo a Confronto con i suoi accusatori e possa Aver Modo di Difendersi dall’accusa.   Allora essi vennero qui e io, senza indugi, il Giorno seguente Sedetti in Tribunale e Ordinai Che vi fosse Condotto quell’uomo. Quelli che lo incolpavano gli si misero attorno, ma non Portarono alcuna accusa di quei crimini che io immaginavo; avevano con lui alcune Questioni Relative alla loro Religione e a un Certo Gesù, morto, che Paolo Sosteneva Essere Vivo.   Perplesso di fronte a Simili Controversie, chiesi se Volesse Andare a Gerusalemme e là Essere Giudicato di Queste Cose. Ma Paolo Si Appellò perché la Sua Causa fosse Riservata al Giudizio di Augusto, e così Ordinai che fosse Tenuto Sotto Custodia fino a Quando Potrò Inviarlo a Cesare». Parola di Dio.

Dal Salmo 102

Benedici il Signore, Anima mia, Quanto E’ in me Benedica il Suo Santo Nome. Benedici il Signore, Anima mia, non Dimenticare Tutti i Suoi Benefici. Perché Quanto il Cielo E’ Alto sulla Terra, così la Sua Misericordia E’ Potente su quelli Che Lo Temono; Quanto Dista l’Oriente dall’Occidente, così Egli Allontana da noi le nostre colpe. Il Signore Ha Posto il Suo Trono nei Cieli e il Suo Regno Dòmina l’Universo. Benedite il Signore, Angeli Suoi, Potenti Esecutori dei Suoi Comandi.

Dal Santo Vangelo di Gesù Cristo Secondo l’Apostolo Giovanni (Gv 21,15-19)

In Quel Tempo, [Quando Si Fu Manifestato ai Discepoli ed] essi ebbero Mangiato, Gesù Disse a Simon Pietro: «Simone, figlio di Giovanni, Mi Ami più di costoro?». Gli rispose: «Certo, Signore, Tu Lo Sai Che ti Voglio Bene». Gli Disse: «Pasci i Miei Agnelli». Gli Disse di nuovo, per la seconda volta: «Simone, figlio di Giovanni, Mi Ami?». Gli rispose: «Certo, Signore, Tu Lo Sai Che ti Voglio Bene». Gli Disse: «Pascola le Mie Pecore». Gli Disse per la terza volta: «Simone, figlio di Giovanni, Mi Vuoi Bene?». Pietro Rimase Addolorato Che per la terza volta gli Domandasse “Mi Vuoi Bene?”, e gli disse: «Signore, Tu Conosci Tutto; Tu Sai Che ti Voglio Bene». Gli Rispose Gesù: «Pasci le Mie Pecore. In Verità, in Verità Io Ti Dico: Quando eri più Giovane ti Vestivi da Solo e Andavi Dove Volevi; ma Quando Sarai Vecchio Tenderai le tue mani, e un altro ti Vestirà e ti Porterà Dove tu non Vuoi».  Questo Disse per Indicare con Quale morte Egli Avrebbe Glorificato Dio. E, Detto Questo, Aggiunse: «Seguimi».  Parola del Signore.

Preghiera della Sera

Eccomi, Signore, Davanti a Te, Mendicante del Tuo Amore e del Tuo Perdono. Tu Sei il mio Dio, Sei Colui Che Conosce il meglio di me.    Guardami… Scrutami… Chinati su di me… Curami… Rialzami dalle Cadute e Apri il mio Cuore alle Esigenze dell’Amore e della Fraternità…   Forse, Oggi, mi sono Comportato da “nemico” della Tua Croce e sono Scappato; forse ho Provato io a Fare la Strada, Mettendomi al Primo Posto… Perdonami! Amen.

Benedetto nei Secoli il Signore!

 

 

 

Religión de López Méndez - Blog Banesco

 

 

 

 

Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo:

 

 

 

Risultato immagini per GIF ANIMATE AMEN