Il Santo Vangelo del Giorno di Quaresima – lunedì del Signore 23 marzo 2020 (2027) A.D. – Con l’Amore e la Devozione Dovuti a Colui Ch’È Tornato tra noi nel Nome del Padre!

 

 

 

 

 

 

 

Visualizza immagine di origine

 

 

 

 

 

Poiché “Il Potere di Cristo Espelle l’originaria causa di ogni male”, Dedicheremo il Santo Vangelo del Giorno all’Amore e alla Divina Misericordia di Gesù Salvatore, affinché Conceda il Suo Perdono alle Anime Sante Abbandonate in Purgatorio e ai Defunti di Tutti i Tempi, Privati della Diffusa e Salvifica Preghiera di noi distratti Figli di quaggiù.  Per Grazia Ricevuta.

 

 

 

 

Risultato immagini per GIF ANIMATE GESU'

 

 

 

 

Christus Vincit, Christus Regnat, Christus Imperat!

 

 

 

 

 

Risultato immagini per gif animate cristo impera e vince

 

 

 

 

 

All’improvviso, capirai la Vera Essenza del Cristo e Quel Che ci han di Lui celato! Avrai vergogna anche per Ciò, poiché non hai Abbandonato il tuo Cuore mentre Egli Parlava della Verità – Che ci ostiniamo a non vedere e a non voler ancora udire.

 

 

 

 

 

L'immagine può contenere: una o più persone, occhiali_da_sole e occhiali

 

 

 

 

 

 

Popolo di Dio, Che Ami con Cuore Puro il tuo Creatore, Proclama al mondo Che il Figlio Prediletto E’ Nuovamente quaggiù, sulla Terra, tra noi, e Avrai Salva la Vita!

 

 

 

 

 

Risultati immagini per pergamena dell'Atto di Dolore

 

 

 

 Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen 

 

 

 

 

 

Fratelli e Sorelle Carissimi, col Santo Vangelo del Giorno, Rendiamo Omaggio a Tutti i Martiri Cristiani e alle Vittime dell’umana follia, il Cui Innocente Sangue Sgorga dalle Viscere della Terra, Che Sta ballando in ogni parte; e le analisi dei fenomeni non serviran certo a recuperar le cose, visto Quello Che attende la “contemporanea società”. Innanzi alla Potenza del Signore nulla può se non la Croce Santa, sempre Posta ad Arginare il male – coi suoi continui ma vani tentativi di travalicare il Bene.  Le astuzie dell’uomo quindi non serviranno ad alcunché, poiché Giunto E’ il Momento di Bussar alla Porta della Grande Casa, Ove Regna la Pace d’un Amore Che Solo il Figlio dell’Uomo – l’Agnello di Dio, Può Infondere nei nostri Animi, smarriti Come Pecorelle in cerca d’un Pastore.  Leggiamo attentamente i Passaggi della riportata e Meravigliosa Apocalisse, onde tentar di comprendere Qual Sia il Salvifico ma Intrinseco Messaggio Che il Cielo Volle Inviarci per Mezzo di Gesù Cristo prima, e di Giovanni Evangelista poi. Buona Giornata a tutti.

 

 

 

 

 

Risultato immagini per gif apocalisse animate

 

 

 

 

L’Apocalisse di San Giovanni

(Capitoli 19 e 20)

 

 

 

Capitolo 19

1Dopo ciò, udii come una Voce Potente di una Folla Immensa nel Cielo Che Diceva: “Alleluia! Salvezza, Gloria e Potenza Sono del nostro Dio; 2perché Veri e Giusti Sono i Suoi Giudizi, Egli Ha Condannato la grande meretrice che corrompeva la Terra con la sua prostituzione, Vendicando su di lei il Sangue dei Suoi Servi!”. 3E per la seconda volta Dissero: “Alleluia! Il suo fumo sale nei Secoli dei Secoli!”. 4Allora i ventiquattro Vegliardi e i quattro Esseri Viventi Si Prostrarono e Adorarono Dio, Seduto sul Trono, Dicendo: “Amen, Alleluia”. 5Partì dal Trono una Voce Che Diceva: “Lodate il nostro Dio, voi tutti, Suoi Servi, voi che Lo Temete, piccoli e grandi!”. 6Udii poi come una Voce di una immensa Folla simile a Fragore di grandi Acque e a rombo di Tuoni possenti, Che Gridavano: “Alleluia. Ha Preso Possesso del Suo Regno il Signore, il nostro Dio, l’Onnipotente. 7Rallegriamoci ed Esultiamo, Rendiamo a Lui Gloria, perché Son Giunte le Nozze dell’Agnello; la Sua Sposa E’ pronta, 8Le hanno dato una Veste di lino Puro Splendente”. La Veste di lino Sono Le Opere Giuste dei Santi. 9Allora l’Angelo mi Disse: “Scrivi: Beati gli Invitati al Banchetto delle Nozze dell’Agnello!”. Poi Aggiunse: “Queste Sono Parole Veraci di Dio”. 10Allora mi Prostrai ai Suoi Piedi per AdorarLo, ma Egli mi Disse: “Non farlo! Io Sono Servo come te e i tuoi Fratelli, Che Custodiscono la Testimonianza di Gesù. È Dio Che devi Adorare“. La Testimonianza di Gesù E’ Lo Spirito di Profezia. 11Poi vidi il Cielo aperto, ed ecco un Cavallo bianco; Colui Che Lo Cavalcava Si Chiamava “Fedele” e “Verace”: Egli Giudica e Combatte con Giustizia. 12I Suoi Occhi Sono come una Fiamma di Fuoco, Ha sul Suo Capo molti Diademi; porta scritto un Nome che nessuno conosce all’infuori di Lui. 13È Avvolto in un Mantello intriso di Sangue e il Suo Nome E’ Verbo di Dio. 14Gli Eserciti del Cielo Lo seguono su Cavalli bianchi, Vestiti di lino Bianco e Puro. 15Dalla Bocca Gli Esce una Spada affilata per colpire con Essa le genti. Egli ‘Le Governerà con Scettro di ferro e pigerà nel Tino il Vino dell’Ira Furiosa del Dio Onnipotente. 16Un Nome Porta Scritto sul Mantello e sul Femore: Re dei re e Signore dei signori. 17Vidi poi un Angelo, Ritto sul Sole, Che Gridava a gran Voce a tutti gli Uccelli che volano in mezzo al Cielo: 18“Venite, Radunatevi al Grande Banchetto di Dio. Mangiate le carni dei re, le carni dei capitani, le carni degli eroi, le carni dei cavalli e dei cavalieri e le carni di tutti gli uomini, liberi e schiavi, piccoli e grandi”. 19Vidi allora la bestia e i re della Terra con i loro eserciti radunati per muover guerra contro Colui Che Era Seduto sul Cavallo e contro il Suo Esercito. 20Ma la bestia fu catturata e con essa il falso profeta che alla sua presenza aveva operato quei portenti con i quali aveva sedotto quanti avevan ricevuto il marchio della bestia e ne avevano adorato la statua. Ambedue furono gettati vivi nello stagno di Fuoco, ardente di zolfo. 21Tutti gli altri furono uccisi dalla Spada Che usciva di Bocca al Cavaliere; e tutti gli Uccelli si saziarono delle loro carni.

Capitolo 20

1Vidi poi un Angelo Che Scendeva dal Cielo con la Chiave dell’Abisso e una gran catena in mano. 2Afferrò il dragone, il serpente antico – cioè il diavolo, satana – e lo incatenò per mille anni; 3lo gettò nell’Abisso, ve lo rinchiuse e ne Sigillò la porta sopra di lui, perché non seducesse più le nazioni, fino al Compimento dei mille anni. Dopo questi dovrà essere sciolto per un po’ di tempo. 4Poi vidi alcuni Troni e a Quelli che Vi Si Sedettero Fu Dato il Potere di Giudicare. Vidi anche Le Anime dei Decapitati a Causa della Testimonianza di Gesù e della Parola di Dio, e Quanti non Avevano adorato la bestia e la sua statua e non ne Avevano ricevuto il marchio sulla Fronte e sulla Mano. Essi Ripresero Vita e Regnarono con Cristo per mille anni; 5gli altri Morti invece non Tornarono in Vita fino al Compimento dei mille anni. Questa E’ la prima Risurrezione. 6Beati e Santi Coloro Che Prendon Parte alla prima Risurrezione. Su di Loro non ha potere la seconda morte, ma Saranno Sacerdoti di Dio e del Cristo e Regneranno con Lui per mille anni. 7Quando i mille anni Saranno Compiuti, satana verrà liberato dal suo carcere 8e uscirà per sedurre le nazioni ai quattro Punti della Terra, Gog e Magòg, per adunarli per la guerra: il loro numero sarà come la sabbia del Mare. 9Marciarono su tutta la superficie della Terra e cinsero d’assedio l’Accampamento dei Santi e la Città Diletta. Ma un Fuoco Scese dal Cielo e li Divorò. 10E il diavolo, che li aveva sedotti, fu gettato nello stagno di Fuoco e zolfo, dove sono anche la bestia e il falso profeta: saranno tormentati giorno e notte per i Secoli dei Secoli. 11Vidi poi un Grande Trono Bianco e Colui Che Sedeva Su di Esso. Dalla Sua Presenza Erano Scomparsi la Terra e il Cielo senza lasciar traccia di Sé. 12Poi vidi i Morti, grandi e piccoli, Ritti Davanti al Trono. Furono Aperti dei Libri. Fu Aperto anche un altro Libro, Quello della Vita. I Morti Vennero Giudicati in Base a Ciò Che Era Scritto in Quei Libri, Ciascuno Secondo le sue Opere. 13Il Mare Restituì i Morti Che Esso Custodiva e la morte e gli inferi resero i Morti da loro Custoditi e Ciascuno Venne Giudicato Secondo le sue Opere. 14Poi la morte e gli inferi furono gettati nello stagno di Fuoco. Questa è la seconda morte, lo stagno di Fuoco. 15E chi non era scritto nel Libro della Vita fu gettato nello stagno di Fuoco.

 

 

 

 

Risultati immagini per GIF animate del Preziosissimo Sangue di Gesù

 

 

 

 

Preghiera per la Benedizione del Cibo
(ormai totalmente contaminato)

Gesù, Intridi del Tuo Preziosissimo Sangue il Cibo Che stiamo per mangiare, affinché Assumiamo con Esso la Grazia e la Benedizione! Amen.

 

 

 

 

Benediciamo il Santo Nome del Signore, mentre Preghiamo insieme per:

 

 

La Santissima Trinità Divina – nel Padre, nel Figlio e nello Spirito Santo Consolatore, la Creazione – Opera Straordinaria dell’Onnipotente, Il Santo Natale del Cristo di Dio e il Suo Santissimo Sangue, il Sangue dei Martiri, i Santuari della Beata Vergine Maria nel mondo, il Santuario della Vergine della Rivelazione a Roma, il Ricordo della Madonna dell’Arco, Santa Maria Maddalena, Giovanni il Battista – Precursore del Cammino di Gesù, San Giuseppe – coi Santi e gli Angeli del Paradiso, le Anime Sante abbandonate in Purgatorio e per i Defunti di tutti i Tempi, I Profeti e i Veggenti, i Perseguitati a Causa della Testimonianza Cristica, Papa Francesco, il Rabbino Capo di Roma e tutti i Riconosciuti Giusti, i Sacerdoti e i Professanti la Fede in Dio Padre Onnipotente, i Movimenti Eucaristici e Mariani, i Gruppi di Preghiera, gli Ammalati nel Corpo e nello Spirito, i Carcerati, gli atei, gli ipocriti e i sapienti della Terra, i Bimbi Deceduti prima del Santo Battesimo, i Giovani e tutti Coloro che non credono nella Divina Misericordia del Gesù Cristo – Figlio Prediletto dell’Altissimo, Signore nostro, Sacerdote Infallibile e Salvatore del mondo intero.

 

 

 

 

 

Immagine correlata

 

 

 

 

Festa del Padre Onnipotente, del  Figlio Prediletto Gesù e
dello Spirito Santo, delle Donne Care alla Trinità Divina, degli Arcangeli,
degli Angeli e dei Santi del Paradiso, nonché delle Anime ancora in Purgatorio

 

 

 

118598772_0_be4eb_57427c47_XL

 

 

 

 

Preghiera del Mattino

Io Ti Lodo, Dio, e Ti Ringrazio per il Tuo Figlio Gesù.  In Lui Tu Ti Avvicini a me.  È Grazie alla Sua Parola Che io Imparo a ConoscerTi.   Egli mi Libera dalla paura e mi Dà Coraggio.  Per Amore di Lui, ho Fiducia in Te per Dare ai miei Giorni un Senso e un Compimento alla mia Vita.   Amen.

Dal Libro del Profeta Isaia (Is 65,17-21)

Così Dice il Signore: «Ecco infatti Io Creo Nuovi Cieli e Nuova Terra; non si Ricorderà più il Passato, non Verrà più in Mente, poiché si Godrà e si Gioirà Sempre di Quello Che Sto per Creare, e Farò di Gerusalemme una Gioia, del suo Popolo un Gaudio.  Io Esulterò di Gerusalemme, Godrò del Mio Popolo. Non si Udranno più in essa Voci di Pianto, Grida di Angoscia.  Non ci Sarà più un Bimbo Che Viva solo Pochi Giorni, né un Vecchio Che dei suoi Giorni non Giunga alla Pienezza; poiché il più Giovane Morirà a Cento Anni e chi non Raggiunge i Cento Anni Sarà Considerato maledetto.  Fabbricheranno Case e le Abiteranno, Pianteranno Vigne e ne Mangeranno il Frutto». Parola del Signore.

Dal Salmo 29

Ti Esalterò, Signore, perché Mi Hai Liberato e su di Me non Hai Lasciato Esultare i nemici.  Signore, Mi Hai Fatto Risalire dagli inferi, Mi Hai Dato Vita perché non Scendessi nella tomba. Cantate Inni al Signore, o Suoi Fedeli, Rendete Grazie al Suo Santo Nome, perché la Sua Collera Dura un Istante, la Sua Bontà per Tutta la Vita.  Alla Sera Sopraggiunge il Pianto e al Mattino, Ecco la Gioia. Ascolta, Signore, Abbi Misericordia, Signore, Vieni in Mio Aiuto. Hai Mutato il Mio Lamento in Danza, Signore, Mio Dio, Ti Loderò per Sempre.

Dal Santo Vangelo di Gesù Cristo Secondo l’Apostolo Giovanni (Gv 4,43-54)

In Quel Tempo, Gesù Partì dalla Samarìa per Andare in Galilea.  Ma Egli Stesso Aveva Dichiarato Che un Profeta non Riceve Onore nella Sua Patria. Quando però Giunse in Galilea, i Galilei Lo Accolsero con Gioia, poiché Avevano Visto Tutto Quello Che Aveva Fatto a Gerusalemme Durante la Festa; anch’essi infatti erano Andati alla Festa.  Andò dunque di nuovo a Cana di Galilea, Dove Aveva Cambiato l’Acqua in Vino. Vi era un funzionario del re, che aveva un figlio malato a Cafarnao.  Costui, Udito Che Gesù Era Venuto dalla Giudea in Galilea, si Recò da Lui e Lo Pregò di Scendere a Guarire suo figlio poiché stava per morire. Gesù gli Disse: «Se non Vedete Segni e Prodigi, voi non Credete».  Ma il funzionario del re insistette: «Signore, Scendi prima che il mio bambino muoia».  Gesù gli Risponde: «Va’, tuo Figlio Vive».  Quell’uomo Credette alla Parola Che gli Aveva Detto Gesù e si Mise in Cammino. Proprio mentre Scendeva, gli Vennero Incontro i servi a dirgli: «Tuo figlio Vive!». S’informò poi a Che Ora Avesse Cominciato a Star Meglio. Gli dissero: «Ieri, un’Ora dopo Mezzogiorno la febbre lo ha Lasciato».   Il padre Riconobbe Che proprio in quell’Ora Gesù gli Aveva Detto: «Tuo figlio Vive» e Credette in Lui con tutta la sua famiglia.  Questo Fu il Secondo Miracolo Che Gesù Fece Tornando dalla Giudea in Galilea. Parola del Signore.

Preghiera della Sera

Nella Veglia Salvaci, Signore, nel Sonno non ci Abbandonare, il Cuore Vegli con Cristo e il corpo Riposi nella Pace. Amen. 

Benedetto nei Secoli il Signore!

 

 

 

 

Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo: 

 

 

 

 

 

Risultato immagini per GIF ANIMATE AMEN

 

 

 

 

Risultato immagini per GIF GRAZIE DELLA VISITA