Il Santo Vangelo del Giorno di Quaresima – Domenica del Signore 15 marzo 2020 (2027) A.D. – Con l’Amore e la Devozione Dovuti a Colui Ch’È Tornato tra noi nel Nome del Padre!

 

 

 

 

 

 

Visualizza immagine di origine

 

 

 

Risultato immagini per GIF ANIMATE ESSENZA CRISTO

 

 

 

 

 

Poiché “Il Potere di Cristo Espelle l’originaria causa di ogni male”, Dedicheremo il Santo Vangelo del Giorno all’Amore e alla Divina Misericordia di Gesù Salvatore, affinché Conceda il Suo Perdono alle Anime Sante Abbandonate in Purgatorio e ai Defunti di Tutti i Tempi, Privati della Diffusa e Salvifica Preghiera di noi distratti Figli di quaggiù.  Per Grazia Ricevuta.

 

 

 

 

Risultato immagini per GIF ANIMATE CANDELABRO EBRAICO

 

 

 

 

 

All’improvviso, capirai la Vera Essenza del Cristo e Quel Che ci han di Lui celato! Avrai vergogna anche per Ciò, poiché non hai Abbandonato il tuo Cuore mentre Egli Parlava della Verità – Che ci ostiniamo a non vedere e a non voler ancora udire.

 

 

 

 

Risultato immagini per gif animate padre nostro

 

 

 

 

Popolo di Dio, Che Ami con Cuore Puro il tuo Creatore, Proclama al mondo Che il Figlio Prediletto E’ Nuovamente quaggiù, sulla Terra, tra noi, e Avrai Salva la Vita!

 

 

 

 

 

Risultati immagini per pergamena dell'Atto di Dolore

 

 

 

 Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen 

 

 

 

 

Fratelli e Sorelle Carissimi, spesso è stato scritto dell’astuzia del demonio, così di molte cose errate, benché entrate nella normale quotidianità della nostra stessa Vita.  Leggendo il Santo Vangelo del Giorno, con le Preghiere per la sconfitta della pedofilia nel mondo, proviamo a scorrere attentamente l’Apocalisse ed il Cantico delle Creature, per poi chiederci se anche l’uccisione d’un pur piccolo animale – magari ritenuto inutile e fastidioso, possa significar violazione alle Leggi del Padre Nostro.  Osserviamo come innanzi all’Umile Fraticello del Signore anche il lupo fu costretto a rabbonirsi, giacché non può imperar il male Là Dove È Incessantemente Pronto a Trionfar l’Amore.  Buona Lettura e Serena Domenica a tutti, non dimenticando di Lodare insieme ed ogni giorno Gesù, nostro Salvatore. Un Sincero Abbraccio.

 

 

 

 

Risultato immagini per gif animate di San Francesco

 

 

 

 

Il Cantico delle Creature

La Preghiera di San Francesco di Assisi

 

 

 

 

“Altissimo, Onnipotente, Buon Signore, Tue Sono le Lodi, la Gloria e l’Onore ed ogni Benedizione.

A Te Solo, Altissimo, Si Confanno, e nessun uomo è Degno di Te.

Laudato Sii, o mio Signore, per tutte le Creature, specialmente per Messer Frate Sole, il Quale porta il Giorno che ci Illumina ed Esso È Bello e Raggiante con grande Splendore: di Te, Altissimo, porta Significazione.

Laudato Sii, o mio Signore, per Sora Luna e le Stelle: in Cielo Le Hai Formate Limpide, Belle e Preziose.

Laudato Sii, o mio Signore, per Frate Vento e per l’Aria, le Nuvole, il Cielo Sereno ed ogni tempo per il Quale alle Tue Creature Dai Sostentamento.

Laudato Sii, o mio Signore, per Sora Acqua, la Quale È molto Utile, Umile, Preziosa e Casta.

Laudato Sii, o mio Signore, per Frate Fuoco, con il Quale ci Illumini la Notte: ed Esso È Robusto, Bello, Forte e Giocondo.

Laudato Sii, o mio Signore, per nostra Madre Terra, la Quale ci Sostenta e Governa e Produce diversi Frutti con coloriti Fiori ed Erba.

Laudato Sii, o mio Signore, per quelli che Perdonano per Amor Tuo e Sopportano malattia e sofferenza.

Beati quelli che le sopporteranno in Pace perché da Te saranno Incoronati.

Laudato Sii, o mio Signore, per nostra Sora Morte corporale, dalla Quale nessun uomo Vivente può scampare.

Guai a quelli che morranno nel peccato mortale.

Beati quelli che si troveranno nella Tua Volontà, poiché loro la Morte non farà alcun male.

Laudate e Benedite il Signore e RingraziateLo e ServiteLo con grande Umiltate”.

 

 

 

 

 

Risultato immagini per gif animate dell'Apocalisse

 

 

 

 

L’Apocalisse di San Giovanni

(Capitoli 3 e 4)

 

 

 

Capitolo 3

1All’Angelo della Chiesa di Sardi scrivi: Così Parla Colui Che Possiede i sette Spiriti di Dio e le sette Stelle: Conosco le tue Opere; ti si crede Vivo e invece sei morto. 2Svegliati e Rinvigorisci Ciò che rimane e sta per morire, perché non Ho Trovato le tue Opere Perfette Davanti al mio Dio. 3Ricorda dunque come hai accolto la Parola, Osservala e Ravvediti, perché se non sarai vigilante, Verrò come un ladro senza che tu sappia in quale ora Io Verrò da te. 4Tuttavia a Sardi vi sono alcuni che non hanno macchiato le loro vesti; essi Mi Scorteranno in Vesti bianche, perché ne sono Degni. 5Il Vincitore sarà dunque Vestito di bianche Vesti, non Cancellerò il suo Nome dal Libro della Vita, ma lo Riconoscerò Davanti al Padre Mio e Davanti ai Suoi Angeli. 6Chi ha orecchi, ascolti Ciò che lo Spirito Dice alle Chiese  7All’Angelo della Chiesa di Filadelfia scrivi: Così parla il Santo, il Verace, Colui Che Ha ‘la Chiave di Davide: quando Egli Apre nessuno chiude, e quando Chiude nessuno aprÈ.  8Conosco le tue Opere. Ho Aperto davanti a te una Porta Che nessuno può chiudere. Per quanto tu abbia poca Forza, pure hai Osservato la Mia Parola e non hai rinnegato il Mio Nome. 9Ebbene, ti Faccio Dono di alcuni della sinagoga di satana – di quelli che si dicono Giudei, ma mentiscono perché non lo sono -: li Farò venire perché si Prostrino ai tuoi piedi e sappiano Che Io ti Ho Amato. 10Poiché hai Osservato con Costanza la Mia Parola, anch’Io ti Preserverò nell’ora della tentazione che sta per venire sul mondo intero, per mettere alla Prova gli abitanti della Terra. 11Verrò presto. Tieni saldo quello che hai, perché nessuno ti tolga la Corona. 12Il Vincitore lo Porrò come una Colonna nel Tempio del Mio Dio e non Ne uscirà mai più. Inciderò su di lui il Nome del Mio Dio e il Nome della Città del Mio Dio, della nuova Gerusalemme Che Discende dal Cielo, Da Presso il Mio Dio, Insieme con il Mio Nome Nuovo. 13Chi ha orecchi, ascolti Ciò Che lo Spirito Dice alle Chiese.  14All’Angelo della Chiesa di Laodicèa scrivi: Così Parla l’Amen, il Testimone Fedele e Verace, il Principio della Creazione di Dio: 15Conosco le tue Opere: tu non sei né freddo né caldo. Magari tu fossi freddo o caldo! 16Ma poiché sei tiepido, non sei cioè né freddo né caldo, Sto per Vomitarti dalla Mia Bocca. 17Tu dici: “Sono ricco, mi sono arricchito; non ho bisogno di nulla”, ma non sai di essere un infelice, un miserabile, un povero, cieco e nudo. 18Ti Consiglio di Comperare da Me Oro Purificato dal Fuoco per diventare ricco, Vesti bianche per coprirti e nascondere la vergognosa tua nudità e Collirio per ungerti gli occhi e ricuperare la Vista. 19Io tutti quelli che Amo li Rimprovero e li Castigo. Mostrati dunque Zelante e Ravvediti. 20Ecco, Sto alla porta e Busso. Se qualcuno ascolta la Mia Voce e Mi apre la porta, Io Verrò da lui, Cenerò con lui ed Egli con Me. 21Il Vincitore lo Farò sedere Presso di Me, sul Mio Trono, come Io Ho Vinto e Mi Sono Assiso Presso il Padre Mio sul Suo Trono. 22Chi ha orecchi, ascolti Ciò Che lo Spirito Dice alle Chiese.

Capitolo 4

1Dopo Ciò ebbi una Visione: una Porta Era aperta nel Cielo. La Voce Che prima avevo udito Parlarmi come una Tromba Diceva: Sali Quassù, ti Mostrerò le Cose Che Devono Accadere in seguito. 2Subito fui Rapito in Estasi. Ed ecco, C’Era un Trono nel Cielo, e sul Trono Uno Stava Seduto. 3Colui Che Stava Seduto Era Simile nell’Aspetto a Diaspro e Cornalina. Un Arcobaleno Simile a Smeraldo Avvolgeva il Trono. 4Attorno al Trono, poi, C’Erano ventiquattro Seggi e sui Seggi Stavano Seduti ventiquattro Vegliardi Avvolti in Candide Vesti con Corone d’Oro sul Capo. 5Dal Trono uscivano Lampi, Voci e Tuoni; sette Lampade accese Ardevano Davanti al Trono, Simbolo dei sette Spiriti di Dio. 6Davanti al Trono Vi Era come un Mare trasparente simile a Cristallo. In mezzo al Trono e intorno al Trono Vi Erano quattro Esseri Viventi pieni d’occhi davanti e di dietro. 7‘Il primo’ Vivente Era simile ‘a un Leone, il secondo’ Essere Vivente ‘Aveva l’aspetto di un Vitello, il terzo’ Vivente Aveva ‘l’aspetto d’Uomo, il quarto ViventÈ Era simile a ‘un’Aquila’ mentre vola. 8I quattro Esseri Viventi Hanno ‘ciascuno sei Ali’, intorno e dentro Sono Costellati di occhi; Giorno e Notte non cessano di ripetere: ‘Santo, Santo, Santo il Signore Dio, l’OnnipotentÈ, Colui Che Era, Che È e Che Viene!  9E ogni volta che Questi Esseri Viventi Rendevano Gloria, Onore e Grazie a Colui Che È Seduto sul Trono e Che Vive nei Secoli dei Secoli, 10i ventiquattro Vegliardi Si Prostravano Davanti a Colui Che Siede sul Trono e Adoravano Colui Che Vive nei Secoli dei Secoli e Gettavano le Loro Corone Davanti al Trono, Dicendo: 11“Tu Sei Degno, o Signore e Dio nostro, di Ricevere la Gloria, l’Onore e la Potenza, perché Tu Hai Creato tutte le Cose, e per la Tua Volontà Furono Create e Sussistono”.

 

 

 

 

Risultato immagini per gif animate di Gesù Bambino

 

 

 

Preghiera a Gesù Bambino

(per l’Intervento Divino contro il demone della pedofilia in Terra)

 

 

 

 

O Gesù Bambino, mi rivolgo Umilmente a Te e Ti Prego – per la Tua Santa Madre, di Assistermi in Questa Necessità di Pace, Debellando l’onda della pedofilia dalla faccia della Terra, poiché Credo Fermamente Che la Tua Divinità Può Venire in Aiuto.

Spero con Fiducia Che le Creature del Popolo del Padre Tuo – e nostro, Ottengano la Tua Santa Grazia.

Ti Amo con Tutto il Cuore e con Tutte le Forze dell’Anima Mia.

Mi Pento Sinceramente dei pec­cati miei e del mondo intero, SupplicandoTi, o Buon Gesù, di Donare la Forza di vincerli.

Prendo la Ferma Risoluzione di non offenderTi mai più, e mi Offro a Te con la Disposizio­ne di Soffrire, piuttosto che di dispiacerTi. Ormai, voglio ServirTi con Fedeltà. Per Amore Tuo, o Divino Gesù Bambino, Amerò il mio Prossimo come me stesso.

O Gesù Bambino, Pieno di Potenza, Ti Supplico di nuovo, Assistici in Questa Circostanza, Debellando l’onta della pedofilia dalla faccia della Terra, Facendoci la Grazia di PossederTi Eternamente con Maria e Giuseppe in Cielo, e di AdorarTi con i Santi Angeli.

Così Sia.

 

 

 

 

Risultato immagini per gif animate di Sant'Antonio da Padova

 

 

 

Tredicina a Sant’Antonio da Padova

(per l’Intervento Divino contro il demone della pedofilia in Terra)

Dodicesimo Giorno

 

 

 

 

O Sant’Antonio, Che Sei Stato Apostolo Instancabile della Parola di Dio, Fa’ Che io possa dare Testimonianza della mia Fede con la Parola e con l’Esempio.

Gloria al Padre…

Prega per noi, Sant’Antonio di Padova, e Saremo Fatti Degni delle Promesse di Cristo.

Preghiamo

Dio Onnipotente ed Eterno, Che in Sant’Antonio di Padova Hai Dato al Tuo Popolo un Insigne Predicatore del Vangelo e un Patrono dei Poveri e dei Sofferenti, Concedi a noi, per Sua Intercessione, di Seguire i Suoi Insegnamenti di Vita Cristiana e di Sperimentare, nella Prova, il Soccorso della Tua Misericordia. Per Cristo nostro Signore. Amen.

 

 

 

Risultati immagini per GIF animate del Preziosissimo Sangue di Gesù

 

 

 

 

Preghiera per la Benedizione del Cibo
(ormai totalmente contaminato)

Gesù, Intridi del Tuo Preziosissimo Sangue il Cibo Che stiamo per mangiare, affinché Assumiamo con Esso la Grazia e la Benedizione! Amen.

 

 

 

Benediciamo il Santo Nome del Signore, mentre Preghiamo insieme per:

 

La Santissima Trinità Divina – nel Padre, nel Figlio e nello Spirito Santo Consolatore, la Creazione – Opera Straordinaria dell’Onnipotente, Il Santo Natale del Cristo di Dio e il Suo Santissimo Sangue, il Sangue dei Martiri, i Santuari della Beata Vergine Maria nel mondo, il Santuario della Vergine della Rivelazione a Roma, il Ricordo della Madonna dell’Arco, Santa Maria Maddalena, Giovanni il Battista – Precursore del Cammino di Gesù, San Giuseppe – coi Santi e gli Angeli del Paradiso, le Anime Sante abbandonate in Purgatorio e per i Defunti di tutti i Tempi, I Profeti e i Veggenti, i Perseguitati a Causa della Testimonianza Cristica, Papa Francesco, il Rabbino Capo di Roma e tutti i Riconosciuti Giusti, i Sacerdoti e i Professanti la Fede in Dio Padre Onnipotente, i Movimenti Eucaristici e Mariani, i Gruppi di Preghiera, gli Ammalati nel Corpo e nello Spirito, i Carcerati, gli atei, gli ipocriti e i sapienti della Terra, i Bimbi Deceduti prima del Santo Battesimo, i Giovani e tutti Coloro che non credono nella Divina Misericordia del Gesù Cristo – Figlio Prediletto dell’Altissimo, Signore nostro, Sacerdote Infallibile e Salvatore del mondo intero.

 

 

 

 

Immagine correlata

 

 

 

Festa del Padre Onnipotente, del  Figlio Prediletto Gesù e
dello Spirito Santo, delle Donne Care alla Trinità Divina, degli Arcangeli,
degli Angeli e dei Santi del Paradiso, nonché delle Anime ancora in Purgatorio

 

 

 

 

Risultato immagini per gif animate apocalisse

 

 

 

 

Preghiera del Mattino

Concedici, Signore, di Discernere i Veri Valori, i Veri Tesori, la Sola Ricchezza Che non Si Acquista se non nella Povertà Secondo lo Spirito, Che ci Colma dei Beni del Mondo Che Verrà. Concedici di Vedere con uno Sguardo Limpido Che Tutto Ciò Che Facciamo, Pensiamo o Diciamo Trova un’Eco nel Cielo. Concedici di essere folli per essere Saggi, di dare senza tenere conto i beni della Terra, per Ricevere in Eredità la Vita Eterna. Nessuna avarizia materiale o Spirituale Offuschi la nostra Percezione di Questo Ammirevole Scambio. Amen.

Dal Libro dell’Èsodo (Es 17,3-7)

In Quei Giorni, il Popolo Soffriva la Sete per Mancanza di Acqua; il Popolo mormorò contro Mosè e disse: «Perché ci hai fatto salire dall’Egitto per far morire di Sete noi, i nostri figli e il nostro bestiame?».  Allora Mosè Gridò al Signore, dicendo: «Che Cosa Farò io per questo Popolo? Ancora un poco e mi Lapideranno!».  Il Signore Disse a Mosè: «Passa davanti al Popolo e prendi con te alcuni anziani d’Israele. Prendi in mano il Bastone con cui hai Percosso il Nilo, e va’! Ecco, Io Starò davanti a te Là sulla Roccia, sull’Oreb;  tu Batterai sulla Roccia: ne Uscirà Acqua e il Popolo Berrà».  Mosè Fece Così, sotto gli occhi degli anziani d’Israele. E chiamò Quel Luogo Massa e Merìba, a causa della protesta degli Israeliti e perché misero alla Prova il Signore, dicendo: «Il Signore È in mezzo a noi sì o no?». Parola di Dio.

Dal Salmo 94

Venite, Cantiamo al Signore, Acclamiamo la Roccia della nostra Salvezza. Accostiamoci a Lui per RenderGli Grazie, a Lui Acclamiamo con Canti di Gioia. Entrate: Prostràti, Adoriamo, in Ginocchio Davanti al Signore Che ci Ha Fatti. È Lui il nostro Dio e noi il Popolo del Suo Pascolo, il Gregge Che Egli Conduce. Se Ascoltaste Oggi la Sua Voce! «Non Indurite il Cuore Come a Merìba, Come nel Giorno di Massa nel Deserto, Dove Mi Tentarono i vostri padri: Mi Misero alla Prova pur Avendo Visto le Mie Opere». 

Dalla Lettera di San Paolo Apostolo ai Romani (Rm 5,1-2.5-8)

Fratelli, Giustificati per Fede, noi Siamo in Pace con Dio per Mezzo del Signore nostro Gesù Cristo. Per Mezzo di Lui abbiamo anche, Mediante la Fede, l’Accesso a Questa Grazia nella Quale ci Troviamo e ci Vantiamo, Saldi nella Speranza della Gloria di Dio.  La Speranza poi non delude, perché l’Amore di Dio È Stato Riversato nei nostri Cuori per Mezzo dello Spirito Santo Che ci È Stato Dato.  Infatti, quando eravamo ancora deboli, nel Tempo Stabilito Cristo morì per gli empi. Ora, a stento qualcuno è disposto a morire per un Giusto; forse qualcuno oserebbe morire per una persona Buona. Ma Dio Dimostra il Suo Amore verso di noi nel fatto che, mentre eravamo ancora peccatori, Cristo È morto per noi. Parola di Dio.

Dal Santo Vangelo di Gesù Cristo Secondo l’Apostolo Giovanni (Gv 4,5-42)

In Quel Tempo, Gesù Giunse a una Città della Samarìa chiamata Sicar, vicina al Terreno che Giacobbe aveva dato a Giuseppe suo figlio: qui c’era un Pozzo di Giacobbe. Gesù dunque, Affaticato per il Viaggio, Sedeva presso il Pozzo. Era circa Mezzogiorno. Giunge una donna samaritana ad Attingere Acqua. Le Dice Gesù: «Dammi da Bere». I Suoi Discepoli erano andati in Città a fare Provvista di Cibi. Allora la donna samaritana Gli dice: «Come mai Tu, Che Sei Giudeo, Chiedi da Bere a me, che sono una donna samaritana?». I Giudei infatti non hanno rapporti con i Samaritani.  Gesù le Risponde: «Se tu conoscessi il Dono di Dio e Chi È Colui che ti Dice: “Dammi da Bere!”, tu avresti chiesto a Lui ed Egli ti Avrebbe Dato Acqua Viva». Gli dice la donna: «Signore, non Hai un Secchio e il Pozzo è Profondo; da Dove Prendi dunque Quest’Acqua Viva? Sei Tu forse più Grande del nostro padre Giacobbe, che ci diede il Pozzo e ne Bevve lui con i suoi figli e il suo bestiame?». Gesù le Risponde: «Chiunque Beve di Quest’Acqua avrà di nuovo Sete; ma chi Berrà dell’Acqua Che Io gli Darò, non avrà più Sete in Eterno. Anzi, l’Acqua Che Io gli Darò Diventerà in lui una Sorgente d’Acqua Che Zampilla per la Vita Eterna». «Signore – gli Dice la donna –, Dammi Quest’Acqua, perché io non abbia più Sete e non continui a venire qui ad Attingere Acqua». Le Dice: «Va’ a chiamare tuo marito e ritorna qui». Gli risponde la donna: «Io non ho marito». Le Dice Gesù: «Hai Detto Bene: “Io non ho marito”. Infatti hai avuto cinque mariti e quello che hai ora non è tuo marito; in Questo hai detto il Vero».  Gli replica la donna: «Signore, vedo Che Tu Sei un Profeta! I nostri padri hanno Adorato su Questo Monte; Voi invece Dite che è a Gerusalemme il Luogo in cui bisogna Adorare». Gesù le Dice: «Credimi, donna, Viene l’Ora in cui né su Questo Monte né a Gerusalemme Adorerete il Padre. Voi Adorate Ciò che non conoscete, Noi Adoriamo Ciò Che Conosciamo, perché la Salvezza Viene dai Giudei. Ma Viene l’Ora – ed È Questa – in cui i Veri Adoratori Adoreranno il Padre in Spirito e Verità: così infatti il Padre Vuole che siano quelli che Lo Adorano. Dio È Spirito, e quelli Che Lo Adorano devono Adorare in Spirito e Verità». Gli rispose la donna: «So Che Deve Venire il Messia, Chiamato Cristo: quando Egli Verrà, Ci Annuncerà Ogni Cosa». Le Dice Gesù: «Sono Io, Che Parlo con te».  In Quel Momento giunsero i Suoi Discepoli e si Meravigliavano Che Parlasse con una donna. Nessuno tuttavia disse: «Che Cosa Cerchi?», o: «Di Che Cosa Parli con lei?». La donna intanto lasciò la sua Anfora, andò in Città e disse alla gente: «Venite a Vedere un Uomo che mi Ha Detto Tutto Quello che ho fatto. Che Sia Lui il Cristo?». Uscirono dalla Città e andavano da Lui. Intanto i Discepoli Po pregavano: «Rabbì, Mangia». Ma Egli Rispose loro: «Io Ho da Mangiare un Cibo Che voi non Conoscete». E i Discepoli si domandavano l’un l’altro: «Qualcuno Gli Ha forse Portato da Mangiare?». Gesù Disse loro: «Il Mio Cibo È Fare la Volontà di Colui Che Mi Ha Mandato e Compiere la Sua Opera. Voi non dite forse: ancora quattro Mesi e poi Viene la Mietitura? Ecco, Io vi Dico: alzate i vostri occhi e guardate i Campi Che già Biondeggiano per la Mietitura. Chi Miete Riceve il Salario e Raccoglie Frutto per la Vita Eterna, perché chi Semina Gioisca Insieme a chi Miete. In Questo infatti si Dimostra Vero il Proverbio: uno Semina e l’altro Miete. Io vi Ho Mandati a Mietere Ciò per Cui non avete Faticato; altri hanno Faticato e voi siete Subentrati nella loro Fatica».  Molti Samaritani di quella Città Credettero in Lui per la parola della donna, che Testimoniava: «Mi Ha Detto Tutto Quello che ho fatto». E quando i Samaritani Giunsero da Lui, Lo Pregavano di Rimanere da loro ed Egli Rimase là due Giorni. Molti di più Credettero per la Sua Parola e alla donna dicevano: «Non è più per i tuoi discorsi che noi Crediamo, ma perché noi stessi abbiamo udito e sappiamo Che Questi È Veramente il Salvatore del Mondo». Parola del Signore.

Preghiera della Sera

Signore dei Lavoratori della Tua Vigna, del Mattino e della Sera. Ricompensali per tutti i loro Sforzi con Tuoi Favori. Aiutali a Lavorare nel Tuo Campo con un Amore Instancabile. Fa’ Che, alla Fine del Pomeriggio, si Riposino in Te e Recuperino le Forze per Riprendere il loro Lavoro di Evangelizzatori in tutti i Luoghi della Terra. Amen.

Benedetto nei Secoli il Signore!

 

 

 

Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo: 

 

 

 

 

Risultato immagini per GIF ANIMATE AMEN

 

 

 

Risultato immagini per GIF GRAZIE DELLA VISITA