“…. negli Ultimi Tempi, la Verità vi Renderà Liberi!”.

 

 

“Caso Yara, si spaccia per consulente e va in cella da Bossetti”.

(Fonte: https://it.notizie.yahoo.com/caso-yara-si-spaccia-per-consulente-e-va-in-cella-da-bossetti-071313338.html?soc_src=social-sh&soc_trk=fb)

 

 

 

 

Ha dell’incredibile la storia avvenuta qualche giorno fa nel carcere di Bollate dove Massimo Bossetti sta scontando l’ergastolo per il delitto di Yara Gambirasio.

Un consulente informatico della Procura di Brescia ha infatti presentato una denuncia contro ignoti dopo che qualcuno si è presentato a suo nome nel penitenziario nel Milanese e ha parlato con Bossetti.

Spacciandosi per “Cesare Marini, consulente della Procura di Brescia”, l’uomo ha avuto un colloquio con il carpentiere di Mapello e gli avrebbe proposto una nuova linea difensiva con possibili nuovi sviluppi sul fronte del dna.

Il vero Cesare Marini – come riporta Il Giornale di Brescia – ha sporto denuncia ai carabinieri ed è stata aperta un’inchiesta per capire come la persona misteriosa possa essere entrata in carcere con una falsa identità.