Il Santo Vangelo del Giorno Venerdì 22 marzo 2019 (2026) A.D. – Con l’Amore e la Devozione Dovuti a Colui Ch’E’ Tornato tra noi nel Nome del Padre!

 

 

 

Poiché “Il Potere di Cristo Espelle l’originaria causa di ogni male”, dedichiamo il Santo Vangelo dell’Intero Periodo di Quaresima alla Divina Misericordia di Gesù Salvatore, perché Conceda il Perdono a Tutte le Anime Abbandonate in Purgatorio, Private della Diffusa e Salvifica Preghiera di noi Figli di quaggiù.   Per Grazia Ricevuta.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In Principio Era Il Verbo, Il Verbo Era Presso Dio e Il Verbo Era Dio… E Il Verbo Si Fece Carne e Venne ad Abitare in mezzo a noi; e noi vedemmo La Sua Gloria, Gloria Come di Unigenito dal Padre, Pieno di Grazia e di Verità. (Gio 1,1 e 14).

 

 

 

 

 

Immagine incorporata

 

 

 

 

 

All’improvviso, capirai la Vera Essenza del Cristo e Quel Che ci han di Lui celato! Avrai vergogna anche per Ciò, poiché non hai Abbandonato il tuo Cuore mentre Egli Parlava della Verità – Che ci ostiniamo a non vedere e a non voler ancora udire.

 

 

 

 

Risultati immagini per gif animate croce

 

 

 

 

 

Popolo di Dio, che Ami con Cuore Puro il tuo Creatore, Proclama al mondo Che il Figlio Prediletto E’ Nuovamente quaggiù, sulla Terra, tra noi, e avrai Salva la Vita!

 

 

 

 

             Risultati immagini per pergamena dell'Atto di Dolore

 

 

 

 

 

Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo! Amen.

Ascolta la versione in Aramaico 1  (mp3)

 

 

 

 

 

Gli umani sistemi consolidati della Terra ben sanno Che Verrà Presto meno il loro effimero potere, il controllo sulle genti e sui ricordi, Che al Creatore comunque Tendono in Via Subcosciente, giacché Verrà Ristabilito l’Intero Ordine delle Cose! Tuttavia, il mondo continua la sua impazzata corsa verso lo sfacelo, proprio a dimostrar Quanto poco – o nulla, abbiamo compreso. Le Verità Son Scomode per tutto e tutti, poiché minano il cosiddetto equilibrio, che assurdamente riteniamo aver raggiunto. Ma se fossimo veramente a posto, se tutto funzionasse alla Perfezione, se l’uomo bastasse a sé stesso, perché continuiamo a soffrire e poi a morire? Per Grazia Divina, alcuni medici han Compreso – e dimostrato, che il male del Corpo s’insinua mediante un parassita che, pian piano, distrugge la Cellula di Dio, ovvero l’Involucro dell’Anima. Ed E’ pur Vero che nient’altro l’avrebbe mai Vinto oltre ad un Mezzo Naturale, Che il Signore Iddio Pose – con altri, a disposizione del mondo e delle Intelligenze sane, come a Dimostrar che alcunché Trionferà sul Bene. Comunque questi Figli – per meri motivi di guadagno e di bottega, vengono perseguitati dai manovratori del denaro, perché in Terra han disubbidito ai comandi del maligno, che ogni cosa piatta vuole. Eppure, si dovrà Rispondere – un Giorno ormai vicino, alle Osservazioni del Padrone, Presso la Cui Divina Luce avvocato non presenzierà oltre a Maria: e non lasciamoci inquinar anche da Ciò: Qual Sarà la Differenza se Madre o Maddalena? Leggete, leggiamo oggi il Vangelo con i Messaggi annessi, ma non tanto per fare: chissà che proprio Là non Si Celi la nostra Verità. Anche in Questa 4^ Settimana di Quaresima, Lodiamo tutti insieme Gesù Cristo, per la Concessione dell’auspicata Divina Misericordia.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le Rivelazioni Celesti di Santa Brigida di Svezia

Libro 5 “Libro delle Domande”

 

 

 

 

Ecco Come Viene Introdotta la Trattazione: Capitò una volta Che Brigida Andava a cavallo a Vadstena Essendo Accompagnata da parecchi dei Suoi Amici, che erano anch’essi a cavallo. E mentre cavalcava Elevò lo Spirito a Dio e subitamente Fu Rapita e Come Alienata dai Sensi in maniera singolare, Sospesa nella Contemplazione. Vide allora come una Scala Fissata a Terra, la Cui Sommità Toccava il Cielo; e nell’Alto del Cielo Vedeva Nostro Signor Gesù Cristo Seduto su un Trono Solenne e Ammirevole, Come un Giudice Giudicante; ai Suoi Piedi Era Seduta la Vergine Maria e Intorno al Trono Vi Era una innumerevole Compagnia di Angeli e una grande Assemblea di Santi. A metà della Scala Vedeva un Religioso Che Conosceva e Che Viveva ancora, Conoscitore della Teologia, fine e ingannatore, pieno di diabolica malizia, che dalla espressione del volto e dai modi mostrava di essere impaziente, più diavolo che Religioso. Ella Vedeva i Pensieri e i Sentimenti Interiori del Cuore di Quel Religioso e Come Si Esprimeva nei Confronti di Gesù Cristo… E Vedeva e Udiva Come Gesù Cristo Giudice Rispondeva Dolcemente e Onestamente a queste domande con Brevità e Saggezza e Come ogni tanto Nostra Signora Dicesse Qualche Parola a Brigida. Il Libro delle Domande Contiene sedici Interrogazioni, Ognuna delle Quali E’ suddivisa in quattro, cinque o sei Domande, a Ognuna delle quali Gesù Risponde Dettagliatamente. Per dare subito un’idea precisa della struttura e del Contenuto del Libro, riportiamo per intero la prima Interrogazione Che Contiene cinque Domande legate alla nostra fisicità.

 

Prima Interrogazione

 “O Giudice, io Ti interrogo. Tu mi Hai Donato la Bocca: non debbo forse parlare di cose piacevoli? Tu mi Hai Donato gli Occhi: non devo vedere gli oggetti che mi dilettano? Tu mi Hai Donato le Orecchie: perché non dovrei ascoltare i suoni e le armonie che mi piacciono? Tu mi Hai Donato le Mani: perché non dovrei farne ciò che mi piace? Tu mi Hai Donato i Piedi: perché non dovrei andare dove mi conducono i miei Desideri?”.

 

Risposte di Gesù Cristo

Il Giudice, Seduto su un Trono Sublime, con Gesti molto Dolci e molto Onesti Rispose: “Amico Mio, ti Ho Dato la Bocca per Parlare Ragionevolmente delle Cose Utili all’Anima e al Corpo, e delle Cose Che Sono in Mio Onore. Ti Ho Dato gli Occhi affinché tu veda il male e lo eviti e affinché tu veda il Bene e ad Esso ti Ispiri. Ti Ho Dato le Orecchie per ascoltare la Verità e per udire Ciò Che E’ Onesto. Ti Ho Dato le Mani affinché con Esse tu faccia Ciò Che E’ Necessario al Corpo e Che non nuoce all’Anima. Ti Ho Dati i Piedi perché tu ti allontani dall’Amore del mondo e ti avvicini al Riposo Eterno, all’Amore della tua Anima e a Me, tuo Creatore”.

 

 

 

 

 

Risultati immagini per IMMAGINI VINTAGE VOLTO GESù

 

 

 

Preghiera per la Benedizione del Cibo

(ormai totalmente contaminato)

 

Gesù, Intridi del Tuo Preziosissimo Sangue il Cibo Che stiamo per mangiare, affinché Assumiamo con Esso la Grazia e la Benedizione! Amen.

 

 

 

Benediciamo il Santo Nome del Signore, mentre Preghiamo insieme per:

 

 

 

La Santissima Trinità Divina – nel Padre, nel Figlio e nello Spirito Santo Consolatore, la Creazione – Opera Straordinaria dell’Onnipotente, Il Santo Natale del Cristo di Dio, Il Santissimo Sangue del Divino Agnello, il Sangue dei Martiri, i Santuari della Beata Vergine Maria, il Santuario della Vergine della Rivelazione in Roma, il Ricordo della Madonna dell’Arco, Santa Maria Maddalena, Giovanni il Battista – Precursore del Cammino di Gesù, San Giuseppe – coi Santi e gli Angeli del Paradiso, Le Anime Sante abbandonate in Purgatorio e per i Defunti di tutti i Tempi, I Profeti e i Veggenti, i Perseguitati a Causa della Testimonianza Cristica, Papa Francesco, il Rabbino Capo di Roma e tutti i Riconosciuti Giusti, i Sacerdoti e i Professanti la Fede in Dio Padre Onnipotente, i Movimenti Eucaristici e Mariani, i Gruppi di Preghiera, gli Ammalati nel Corpo e nello Spirito, i Carcerati, gli atei, gli ipocriti e i sapienti della Terra, i Bimbi Deceduti prima del Santo Battesimo, i Giovani e tutti Coloro che non Credono nella Divina Misericordia di Gesù Cristo – Figlio Prediletto dell’Altissimo, Signore nostro, Sacerdote Infallibile e Salvatore del mondo intero.

 

 

 

 

 

 

Immagine correlata

 

 

 

 

Festa Permanente del Padre Onnipotente, del Figlio nostro Signore e
dello Spirito Santo, delle Donne Care alla Trinità Divina, degli Arcangeli,
degli Angeli e dei Santi del Paradiso, nonché delle Anime ancora in Purgatorio

 

 

 

 

Risultati immagini per gif animate della Bibbia

 

 

 

 

 

 

Preghiera del Mattino

Fra tutti i Popoli della Terra ScegliesTi una Vigna, Israele, alla Quale DonasTi una Terra in cui FacesTi Scorrere Latte e Miele. La mia Vigna non l’ho Custodita, le volpi devastatrici l’hanno Invasa. Ti Ho già Respinto abbastanza, Signore, Vieni Ora a Prendere Possesso del Tuo Bene. Nelle mie vene Scorre il Sangue del Figlio Che i vignaiuoli assassini Uccisero.  Fa’ Che la Linfa del Ceppo Trasmetta la Vita Sino all’Estremità dei Tralci. Voglio Recare un Frutto Abbondante Che Persista, e Accetto il Torchio della Croce, affinché la mia Vita Serva a Nutrire la Tua Gloria. Amen.

Dal Libro della Genesi (Gen 37,3-4.12-13a.17b-28)

Israele Amava Giuseppe più di Tutti i Suoi Figli, perché Era il Figlio Avuto in Vecchiaia, e Gli Aveva Fatto una Tunica con Maniche Lunghe. I Suoi Fratelli, vedendo che il loro padre Amava Lui Più di Tutti i Suoi Figli, Lo odiavano e non Riuscivano a ParlarGli Amichevolmente. I Suoi Fratelli erano Andati a Pascolare il Gregge del loro padre a Sichem. Israele Disse a Giuseppe: «Sai Che i Tuoi Fratelli sono al Pascolo a Sichem? Vieni, Ti voglio mandare da loro». Allora Giuseppe Ripartì in Cerca dei Suoi Fratelli e li Trovò a Dotan. Essi Lo videro da lontano e, prima che Giungesse vicino a loro, complottarono contro di Lui per farLo morire. Si dissero l’un l’altro: «EccoLo! È Arrivato il Signore dei Sogni! Orsù, uccidiamoLo e gettiamolo in una cisterna! Poi diremo: “Una bestia feroce L’ha divorato!”. Così vedremo che ne sarà dei suoi Sogni!». Ma Ruben sentì e, volendo SalvarLo dalle loro mani, disse: «Non togliamogli la Vita». Poi disse loro: «Non Spargete il Sangue, gettateLo in questa cisterna che è nel Deserto, ma non colpiteLo con la vostra mano»: egli Intendeva SalvarLo dalle loro mani e ricondurLo a Suo padre.    Quando Giuseppe fu Arrivato presso i Suoi Fratelli, essi Lo spogliarono della Sua tunica, quella Tunica con le maniche lunghe che Egli Indossava, Lo afferrarono e Lo gettarono nella cisterna: era una cisterna vuota, senz’Acqua. Poi sedettero per prendere cibo. Quand’ecco, alzando gli occhi, videro arrivare una carovana di Ismaeliti provenienti da Gàlaad, con i cammelli carichi di resina, balsamo e làudano, che andavano a portare in Egitto. Allora Giuda disse ai Fratelli: «Che guadagno c’è a uccidere il nostro Fratello e a coprire il Suo Sangue? Su, vendiamoLo agli Ismaeliti e la nostra mano non sia contro di Lui, perché E’ nostro Fratello e nostra Carne». I suoi Fratelli gli diedero ascolto.      Passarono alcuni mercanti Madianiti; essi tirarono su ed estrassero Giuseppe dalla cisterna e per venti sicli d’argento vendettero Giuseppe agli Ismaeliti.   Così Giuseppe Fu condotto in Egitto. Parola di Dio.

Dal Salmo 104

Il Signore Chiamò la Carestia su Quella Terra, Togliendo il Sostegno del Pane. Davanti a loro Mandò un Uomo, Giuseppe, venduto come schiavo. Gli strinsero i piedi con ceppi, il ferro Gli serrò la gola, finché non Si Avverò la Sua Parola e l’Oracolo del Signore Ne Provò l’Innocenza. Il re mandò a scioglierLo, il capo dei Popoli lo fece Liberare: Lo Costituì signore del suo Palazzo, Capo di tutti i suoi Averi.

Canto al Santo Vangelo (cf. Gv 3,16)

Lode e Onore a Te, Signore Gesù! Dio Ha Tanto Amato il Mondo da Dare il Figlio Unigenito; chiunque Crede in Lui Ha la Vita Eterna. Lode e Onore a Te, Signore Gesù!

Dal Santo Vangelo di Gesù Cristo Secondo l’Apostolo Matteo (Mt 21,33-43.45-46)

In Quel Tempo, Gesù Disse ai capi dei sacerdoti e agli anziani del Popolo: “Ascoltate un’Altra Parabola: C’Era un Uomo Che Possedeva un Terreno e Vi Piantò una Vigna. La circondò con una siepe, vi scavò una buca per il torchio e costruì una torre.  La diede in affitto a dei contadini e se ne andò lontano.  Quando Arrivò il Tempo di Raccogliere i Frutti, Mandò i Suoi servi dai contadini a Ritirare il Raccolto. Ma i contadini presero i Servi e uno lo bastonarono, un altro lo uccisero, un altro lo lapidarono.     Mandò di nuovo altri servi, più numerosi dei primi, ma li trattarono allo stesso modo.   Da ultimo Mandò loro il Proprio Figlio Dicendo: “Avranno Rispetto per Mio Figlio!”. Ma i contadini, visto il Figlio, dissero tra loro: “Costui E’ l’Erede.  Su, uccidiamoLo e avremo noi la Sua Eredità!”. Lo presero, lo cacciarono fuori dalla Vigna e Lo uccisero.  Quando Verrà dunque il Padrone della Vigna, Che Cosa Farà a quei contadini?“. Gli risposero: “Quei malvagi, li Farà morire miseramente e Darà in affitto la Vigna ad altri contadini, che Gli Consegneranno i Frutti a Suo Tempo”. E Gesù Disse loro: “Non Avete mai Letto nelle Scritture: La Pietra Che i costruttori hanno scartato E’ Diventata la Pietra d’Angolo; Questo E’ Stato Fatto dal Signore ed E’ una Meraviglia ai nostri occhi? Perciò Io vi Dico: a voi Sarà Tolto il Regno di Dio e Sarà Dato a un Popolo Che ne Produca i Frutti“. Udite Queste Parabole, i capi dei sacerdoti e i farisei capirono che Parlava di loro. Cercavano di catturarLo, ma ebbero paura della folla, perché Lo considerava un Profeta. Parola del Signore.

Preghiera della Sera

Signore, Come Giuseppe Tu fosti Spogliato dai Tuoi stessi Fratelli della Tunica Ideale della Gloria, con La Quale il Padre Aveva Rivestito il Suo Figlio Prediletto. Come Lui, Sei Rimasto nell’oscurità della tomba senza Che la morte Eterna Ti abbia Toccato, poiché Tu Sei la Vita e il Padre Ti Ha Destinato ad Essere il Primogenito di una Moltitudine di Fratelli, per Salvarli dalla Fame Spirituale in Questo Paese di Schiavitù, in cui Abbiamo Fame di Te. I vignaioli, come i Fratelli di Giuseppe, hanno detto: “UccidiamoLo”, ma Tu non Hai Voluto Che il Tuo Santo Vedesse la corruzione, Salvando anche noi dalla morte Eterna. Amen.

Benedetto nei Secoli il Signore

 

 

 

 

 

 

Risultati immagini per gif animate della Bibbia

 

 

 

 

 

 

Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo! Amen.

Ascolta la versione in Aramaico 1  (mp3)