Riflessioni dello Spirito (Riceviamo e pubblichiamo).

 

 

Quando Pensiamo alle Cose del Signore – Entrando in Contatto con il Suo Spirito Divino, Poniamoci in Maniera Garbata e Corretta, Come Si Conviene in Circostanze di Massimo e Ultraterreno Rispetto, mai dimenticando che:

 

 

 

 

  1. il Cristo di Dio ci Ha Onorati della Sua Considerazione;
  2. lo Spirito Santo Consolatore E’ Emanazione Diretta di Gesù e ad Egli per Tanto Risponde, Come Stabilito dal Padre;
  3. i nostri Compiti terreni Son anche Quelli della Pastorale Costante, ovunque, senza risparmiarsi, poiché Avremo non poco Tempo per Riposar nell’Altra Vita (ove Meritato);
  4. l’Adorazione, la Preghiera e la Devozione Devono Nascere dal Cuore, senza imposizione alcuna, pena la mortificazione dello Spirito;
  5. il Digiuno e la Penitenza Sono Richieste dal Signore non per mero diletto, ma per Provar la nostra Resistenza, Così Preparandoci ai Tempi non rosei;
  6. qualsivoglia Forma di Attenzione Verso la Vergine Maria, gli Angeli, i Santi, le Anime dei Defunti, i Sacerdoti e i Mistici Deve Essere “Obbligatoriamente” in Funzione dell’Incondizionata e Sottomessa Obbedienza al Figlio dell’Uomo, giacché Straordinario e Universale Amore, per Definizione Celeste;
  7. nell’Accedere alla Preghiera – nell’Intimità della casa o ad un Luogo di Culto, dobbiamo Presentarci in Modo Speciale e Deferente, Intrisi di Umiltà e Gratitudine, perché Impegniamo nel mentre l’Agnello ad un Dialogo Sì Indirizzato a Lui, ma Utile Soprattutto per l’Animo nostro;
  8. nello scrivere il nome dell’accusatore dei Figli del Popolo di Dio – ch’è satana il bugiardo, non abbiate timore a citarlo senza alcun riguardo, evitando – quindi, di riportane l’iniziale con la lettera maiuscola, Riservando Tali Accortezze per le Autorità del Cielo;
  9. quando un terreno delegato – sia esso un Sacerdote o ancorché una Suora, tende a sottovalutare Alcuni Richiami d’Indirizzo Salvifico – Posti persino nel Santo Vangelo, non esitiamo a far notare pur Delicatamente la cosa, comunque evitando di giudicare, giacché Compito di Un Soldato E’ anche Quello di Porre Rimedio alle inesattezze del mondo;
  10. la Santa Particola, Come d’Uopo, “Deve” Esser Trattata con Sommo Rispetto e non Affidata alle mani dei Comunicandi, poiché “Prezioso Corpo del Signore”! In casi di difformità – nonostante il tiepidume di alcuni Sacerdoti (ribelli e mondani), abbiamo l’obbligo di Richiamare le Coscienze alla Profonda Riflessione, facendo altresì notare che – specialmente negli ultimi Anni, stiamo assistendo impassibili a dei quotidiani sacrilegi – di chiara ispirazione massonica, quali:  a) lo spostamento del SS. Tabernacolo dall’Altare Maggiore a delle stanzette (camuffate da zone di Raccoglimento), b) la graduale eliminazione degli inginocchiatoi, con l’obiettivo di disabituar le genti alla Umiliazione dell’umano corpo Innanzi al Giusto Re,  c) mancanza dell’Acqua Benedetta nelle pur Presenti Acquasantiere, d) esortazione – da parte di alcuni Sacerdoti progressisti, ad avviare i Fedeli ai colloqui con gli psicologi, in luogo di un Costruttivo Dialogo con un Preposto Esorcista.