Testimonianza (Riceviamo e pubblichiamo).

 

 

In un Sogno: “il capo dei demoni, satana il mentitore – il separatore delle genti, provò una profonda Malinconia, ricordando i Tempi Belli, Quando Dio Onnipotente lo Degnava della Sua Luminosa Considerazione.

Dopo “l’alto Tradimento”, non volendo più sottostare alla “Legge dell’Equilibrio” – Ch’E’ del Padre Celeste, compì le tristi gesta che tutti noi conosciamo – e che subiamo, pur senza accorgercene.

Arrivò un Giorno – però, che anche il più diavolo di tutti si pentì di aver voltate le spalle a Cotanta Bellezza, decidendo di Salire Fino al Cielo per chiedere finalmente Perdono, pensando: Egli, non mi Rifiuterà.

La sua figura possente – però, benché molto alta e forte, di colore marmoreo ed alata, venne trattenuta a Terra – per i polpacci, dall’aggrovigliato male che essa stessa aveva generato, giacché invidioso d’un reale Ravvedimento.

E fu per questo che l’artefice d’ogni negatività Pianse amaramente, poiché Privato dell’Amore Infinito del Creatore.

All’improvviso, Apparve il Cristo – nella Sua Maestosità, Dicendomi: “Ti Benedico e Prometto Che Verrò a Prelevarti Personalmente nel Momento della tua morte, perché hai Pianto persino per la Sofferenza del Mio nemico, impossibilitato a Riconciliarsi col Padre Mio Che E’ in Cielo, in Terra e in Ogni Luogo! Non preoccuparti – Aggiunse l’Agnello Incarnato, perché il Tutto Si Riunirà in un’Unica Armonia, Così Com’E’ Stato Stabilito per il Mondo Che Verrà”.