Messaggio del Cristo di Dio (a Giovanni – giovedì 02 novembre 2017/2024 – A.D.).

 

Dice il Figlio dell’Uomo: “……, scrivi! E’ Bene Che le genti del mondo prendano Atto Che la Storia Cosmica Sta per Ripetersi in Terra, Come già in Cielo, e Che il Padre – anche in Considerazione dei Tempi (apparentemente) moderni, Ha Inviato quaggiù – disseminati ovunque, altri messaggeri e servi della Verità Celeste, che ai Doni Elargiti loro pur Rinunciarono, onde Preparare la Strada al Prediletto dell’Onnipotente Creatore. 
Con gli altri vizi capitali, anche la superbia non appartiene al Creato Intero e – come tale e con altre nefandezze, verrà incatenata ai fianchi dell’angelo ribelle, relegato negli abissi dai Fedeli Angeli del Paradiso. 
Il Giudizio Intermedio Mi Appartiene per Diritto Delegato e ad ognuno Riconoscerò i Meriti e i demeriti, Comminando Gioie e dolori, pel Trionfo della Giustizia sull’intero Pianeta. 
Non abbiano a gloriarsi – quindi, gli increduli, i tiepidi e i ritenuti abili, perché Io non Giocherò ai loro inutili tavoli!.
Cominciate a privarvi del superfluo e ad abituarvi all’essenziale, Rendendo comunque Grazie, perché farete un gran salto indietro – alle Origini, Com’E’ Giusto Che Sia. Abbiate Fede nelle Mie Parole…. e non tradirete i vostri stessi Sani Interessi”.