Don Tonino Bello – Il Sognatore Celeste.

 

 

 

“Se non ci fossero i sognatori! Il problema non è che ce ne sono troppi, ma troppo pochi! Non c’è bisogno di gente che cammina tra le nuvole, ma di gente che coltiva l’utopia, culla l’utopia, che fa i sogni diurni, quelli che si realizzano. Siamo diventati troppo praticoni, troppi realisti, troppo abituati a camminare con i piedi per terra… Sento che il sogno precede sempre l’aurora e se non ci spenzoliamo sul versante dei sogni, tutto il resto sarà una cabala di leggi che si complicano”.