Salmo 91

 

 

[1] Tu Che Abiti al Riparo dell’Altissimo e Dimori all’Ombra dell’Onnipotente,

[2] Dì al Signore: “Mio Rifugio e Mia Fortezza, Mio Dio, in Cui Confido”.

[3] Egli Ti Libererà dal laccio del cacciatore, dalla peste che distrugge.

[4] Ti Coprirà con le Sue Penne, Sotto le Sue Ali Troverai Rifugio.

[5] La Sua Fedeltà Ti Sarà Scudo e Corazza; non Temerai i terrori della Notte, né la freccia che vola di Giorno,

[6] la peste che vaga nelle tenebre, lo sterminio che devasta a Mezzogiorno.

[7] Mille cadranno al Tuo Fianco e diecimila alla Tua Destra; ma nulla Ti potrà colpire.

[8] Solo Che Tu Guardi, Con i Tuoi Occhi Vedrai il Castigo degli empi.

[9] Poiché Tuo Rifugio E’ il Signore e Hai Fatto dell’Altissimo la Tua Dimora,

[10] non Ti potrà colpire la sventura, nessun colpo cadrà sulla Tua Tenda.

[11] Egli Darà Ordine ai Suoi Angeli di CustodirTi in Tutti i Tuoi Passi.

[12] Sulle Loro Mani Ti Porteranno, perché non Inciampi nella pietra il Tuo Piede.

[13] Camminerai su aspidi e vipere, Schiaccerai leoni e draghi.

[14] “Lo Salverò, perché a Me Si E’ Affidato; Lo Esalterò, perché Ha Conosciuto il Mio Nome.

[15] Mi Invocherà e Gli Darò Risposta; Presso di Lui Sarò nella sventura,  Lo Salverò e Lo Renderò Glorioso.

[16] Lo Sazierò di Lunghi Giorni e Gli Mostrerò la Mia Salvezza”.